sabato,Aprile 13 2024

«Vibo capitale delle buche e non del libro»: la denuncia di Russo (Azione) sulle strade

Il consigliere comunale di minoranza evidenzia le condizioni delle arterie cittadine, dal centro alla periferia: «Il paradosso è quella voragine di fronte al municipio davanti cui passano ogni giorno anche gli espontenti di maggioranza»

«Vibo capitale delle buche e non del libro»: la denuncia di Russo (Azione) sulle strade
La voragine davanti alla scuola Don Bosco
Giuseppe Russo

«Asfalto rattoppato, tombini che sporgono, tracce di lavori stradali mai ricoperti a dovere. Vie piene di voragini grandi e piccole circoscritte da transenne spesso poste nel bel mezzo della carreggiata stradale, che con la pioggia non fanno che allargarsi e renderne pericoloso il percorso. Insomma, strada che vai buca che trovi. I cittadini segnalano di continuo anche buche su marciapiedi e parcheggi sparsi un po’ ovunque per la città». A denunciare lo stato di abbandono e incuria delle strade cittadine di Vibo Valentia è il capogruppo di Azione in Consiglio comunale, Giuseppe Russo. «Le abbondanti pioggie che ancora nel mese di giugno persistono – aggiunge -, non fanno altro che velocizzare lo sgretolamento dell’asfalto che già era un colabrodo in tante arterie cittadine. Le segnalazioni che arrivano sono numerose, ed ognuno vede il problema sotto casa propria, ma facendo un giro, la situazione buche è una costante in tante zone della città. Dal centro alle periferie, passando per strade trafficate e marciapiedi in cui i cittadini si trovano a zizzagare per evitare di inciampare, la lista è lunga ma il paradosso è la voragine che persiste da ormai mesi,  proprio di fronte il palazzo comunale e posta davanti una scuola elementare a ridosso di un marciapiede percorso giornalmente da bambini, mamme, papà, anziani e disabili. Parliamo della scuola Don Bosco e di piazza Martino D Ungheria… eppure gli eccellenti assessori ogni mattina, ci parcheggiano con le proprie autovetture spesso schivandola ma nel contempo lasciandola in quel triste stato di pericolosità. Sarebbe più indicato classificare Vibo la “capitale delle buche” invece che della cultura o del libro.

Non solo una questione di decoro, ma anche di sicurezza, per chi viaggia in macchina o sulle due ruote e per chi cammina sui marciapiedi rischiando di inciampare – secondo il consigliere comunale di Azione. E ancora: «Il servizio di bike sharing cosi tanto sponsorizzato da questa maggioranza, trova anche difficoltà a partire in siciurezza per queste gravi problematiche, tralasciando che la città di Vibo non è stata mai dotata di piste ciclabili nonostante molti consiglieri di maggioranza e minoranza abbiano sollevato sempre il problema. Argomento mai preso in considerazione dell’esecutivo. Ho tra l’altro contezza che molte somme destinate alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade siano state destinate ad altri interventi… per come dire, pensiamo alle grandi opere (tra l’altro ancora ferme tutte al palo) e non pensiamo alla piccole opere che sono la base di un vivere quotidiano armonico e di qualità di vita». Quindi l’invito da parte di Russo all’esecutivo «alla programmazione di interventi urgenti per il ripristino del manto stradale per porre in sicurezza questa già comunità martoriata da tante mille altre problematiche e tartassata da tributi poste alle massime aliquota a fronte di servizi zero».

LEGGI ANCHE: Comune Vibo, il capogruppo di Azione: “La cittadinanza ha perso fiducia nell’amministrazione”

Provinciale Triparni – Porto Salvo, la denuncia: «Strada pericolosa e in stato di abbandono, s’intervenga»

Articoli correlati

top