venerdì,Aprile 19 2024

Riforma delle scuole tecniche e professionali, alla Cittadella anche il ministro Valditara

La presentazione avrà il compito di illustrare nel dettaglio il nuovo percorso formativo. Nell’ambito dell’iniziativa, previsto un accordo con le università calabresi

Riforma delle scuole tecniche e professionali, alla Cittadella anche il ministro Valditara
Il ministro Valditara
La vicepresidente della Regione Calabria Giusi Princi

Domani, martedì 9 gennaio, alle ore 11, nella sala verde della Cittadella regionale a Catanzaro, la vice presidente della Giunta regionale della Calabria con delega all’istruzione e all’università, Giusi Princi, e la direttrice dell’Ufficio scolastico regionale, Antonella Iunti, terranno una conferenza stampa nel corso della quale sarà presentata la sperimentazione nazionale della Riforma quadriennale degli istituti tecnici e professionali. La Calabria è tra le prime Regioni in Italia a dare un contributo per una più efficace declinazione formativa ed organizzativa della sperimentazione. All’incontro con la stampa interverrà Carmela Palumbo, capo dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione, che spiegherà la riforma nel dettaglio dei contenuti e delle finalità. Le conclusioni saranno affidare al Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara. Sarano inoltre presenti all’iniziativa, insieme a tutti i protagonisti della riforma degli istituti tecnici e professionali, i Rettori del sistema universitario calabrese: Giovanni Cuda (Unimg), Nicola Leone (Unical), Giuseppe Zimbalatti (Unirc), con i quali si andrà a sottoscrivere apposito accordo regionale che consentirà il passaggio dall’istruzione tecnologica superiore (Its) ai percorsi universitari, con il relativo riconoscimento dei crediti formativi e con conseguente possibilità di conseguimento della laurea triennale, per quanti studenti avranno concluso, la sperimentazione negli istituti tecnici o professionali prima e negli Its Academy dopo (4+2 anni). L’incontro sarà l’opportunità, oltre che per illustrare il percorso di sperimentazione, anche per raccogliere contributi e proposte dai diversi organismi preposti che sono stati invitati a partecipare: dirigenti scolatici degli Istituti tecnici e professionali, presidenti delle Fondazioni Its della Calabria, Associazioni datoriali, enti di formazione accreditati dalla Regione per l’obbligo formativo, Ordini professionali, Unioncamere Calabria.

LEGGI ANCHE: Fabrizia mantiene l’autonomia scolastica: la soddisfazione del Comitato dei genitori

Caro scuola, dalla Regione borse di studio per 36mila studenti calabresi

“Una ricetta per i social”, l’Alberghiero di Vibo vince il primo premio a Reggio

Articoli correlati

top