L’Arma presenta anche a Vibo Valentia il suo calendario – Video

Attraverso la scrittura di Margaret Mazzantini e l’arte di Mimmo Paladino il racconto di un quotidiano eroismo. Il nuovo comandante provinciale Bruno Capece: «Carabinieri sempre vicini ai cittadini»
Attraverso la scrittura di Margaret Mazzantini e l’arte di Mimmo Paladino il racconto di un quotidiano eroismo. Il nuovo comandante provinciale Bruno Capece: «Carabinieri sempre vicini ai cittadini»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Presentazione del calendario storico dell’Arma 2020 stamane al comando provinciale dei carabinieri di Vibo Valentia. Attraverso la scrittura di Margaret Mazzantini e l’arte di Mimmo Paladino, nei dodici mesi del calendario vengono ripercosse scene di quotidiano eroismo e solidarietà, con l’attenzione rivolta verso il prossimo e con la quale ogni militare dell’Arma tutti i giorni in Italia e all’estero svolge il proprio lavoro al servizio dello Stato e della collettività. Storie di ordinario eroismo, dunque, cifra distintiva di ogni carabiniere e che fanno ben comprendere lo spirito con cui uomini e donne dell’Arma affrontano silenziosamente la loro missione, a tutela soprattutto delle fasce più deboli della società. Concetti ribaditi dal ten. colonnello Bruno Capece, da circa tre mesi nuovo comandante provinciale dei carabinieri di Vibo Valentia subentrato al colonnello Gianfilippo Magro. “Operiamo tutti i giorni in silenzio – spiega il colonnello – e l’Arma continua ad essere un presidio dello Stato vicino ai cittadini, con un punto di forza sul territorio rappresentato dai marescialli delle Stazioni. I carabinieri sono sempre più impegnati in un’opera di prevenzione e diffusione della cultura della legalità, partendo dalle scuole come sottolinea spesso anche il procuratore distrettuale Nicola Gratteri. Siamo consapevoli che a Vibo Valentia e sul territorio provinciale la popolazione è composta per la stragrande maggioranza da persone perbene e noi come Arma non stiamo tradendo la loro fiducia restando accanto a chi si espone con il coraggio della denuncia come nell’ultimo caso dell’imprenditore Carmine Zappia”. Il commerciante di Nicotera ha infatti avuto il coraggio di denunciare esponenti di primo piano del clan Mancuso di Limbadi che l’avevano preso di mira tentando di sottrargli le proprie attività imprenditoriali e soprattutto la tranquillità sua e dei familiari. Accanto al comandante provinciale, il tenente colonnello Luca Romano alla guida del Reparto Operativo provinciale dei carabinieri, i comandanti delle Compagnie di Vibo e Serra San Bruno, Gianfranco Pino e Marco Di Caprio, il comandante della Stazione di Vibo Valentia Riccardo Astorina e l’appuntato Giuseppe Cusimano.

Informazione pubblicitaria