lunedì,Febbraio 6 2023

Rissa durante la partita a Rosarno, il Real Pizzo: «Non siamo dei provocatori»

Il presidente del club napitino Holmo Marino in seguito all'episodio di domenica e all'invito degli avversari a prendere provvedimenti: «Il calcio non è una caccia all'uomo, vogliamo solo continuare a giocare in modo sereno e secondo le regole»

Rissa durante la partita a Rosarno, il Real Pizzo: «Non siamo dei provocatori»
Gli attimi di tensione durante la partita a Rosarno
Gli attimi di tensione durante la partita a Rosarno

Dopo gli episodi di domenica e dopo il comunicato ufficiale della Virtus Rosarno, ecco che dopo qualche giorno di silenzio arriva anche la nota del presidente del Real Pizzo, Holmo Marino. Non si è ancora spenta infatti l’eco delle polemiche dopo la rissa che domenica scorsa è scoppiata in campo in occasione della partita fra le due squadre, valevole per il girone C di Prima categoria e sospesa poi al quindicesimo minuto della ripresa. Il tutto si è scatenato a seguito di un calcio rifilato da un giocatore napitino a un atleta di casa. Da qui la reazione fatta di pugni, schiaffi, spinte e altro ancora, come documentato in alcuni video che hanno fatto il giro del web. La società rosarnese all’indomani ha chiesto scusa, parlando anche di provvedimenti nei confronti degli atleti «che hanno contribuito a tale scempio» e invitando il Real Pizzo a fare altrettanto. Ora, la risposta del presidente del Real Pizzo, Holmo Marino: «Non riteniamo di dover commentare e giudicare i fatti di domenica a Rosarno da un punto di vista “disciplinare” vista la presenza in campo di un ottimo arbitro e di un commissario di campo, oltre che di immagini video relative agli eventi. Una risposta però è dovuta a chi inopportunamente parla di “provocazione”. Se con questo termine si intende il tenere botta ai contrasti durissimi, se si intende il non retrocedere di un passo davanti all’atteggiamento duro e spesso pericolosamente oltre le righe di più di un calciatore del Rosarno, allora siamo e saremo sempre dei grandi “provocatori”». [Continua in basso]

E ancora, si legge nella nota ufficiale: «Sappiamo che il calcio non è sport per chi ama raccogliere margherite, lo abbiamo visto e anche giocato, qualcuno di noi, ma di sicuro non è caccia all’uomo. Parlarne non fa bene a nessuno, non è bello e ci fa fare passi indietro lungo il cammino della civiltà. Viene da chiedersi in che misura e dove sbaglino le Società di calcio allevando e formando i giovani atleti». Quindi un accenno alle attività della società napitina e a quella che può essere considerata la sua “mission”: «Continueremo a pensare che lo sport ed il calcio in particolare debbano essere palestre di vita, strumenti di comunicazione se non un vero e proprio linguaggio che avvicini ragazzi di ogni angolo del mondo. La Real Pizzo ha posto come punto centrale della sua gestione l’inserimento, anche lavorativo di ragazzi italiani e non, con l’obiettivo di abbattere il più possibile barriere di razza, cultura e religione. Vediamo il calcio come un nuovo esperanto, immediato e comprensibile a tutti, anche se parlato “con i piedi”».

«Non riusciamo a comprendere certi atteggiamenti – conclude il presidente Holmo Marino – e quindi a spiegarli a chi si è affidato a noi e ci accompagna in questo percorso. Siamo ancora sgomenti e senza parole noi che eravamo in tribuna, i tifosi di Pizzo e di Rosarno, i tifosi veri, non chi ha scavalcato la recinzione. Non cerchiamo e non vogliamo trarre vantaggi dalle disgrazie altrui, perché di ciò si tratta. Chiediamo solo di poter continuare a giocare in modo sereno e secondo le regole e relegare certe brutture a palcoscenici che non ci appartengono, per convinzione, cultura e scelte di vita».

LEGGI ANCHE: Rissa fra Virtus Rosarno e Real Pizzo: partita sospesa e in tre finiscono in ospedale – Video

Rissa durante la partita con Pizzo, la Virtus Rosarno chiede scusa: «Spettacolo indecoroso»

Articoli correlati

top