Vibonese bella e sprecona, pareggio amaro con la Leonfortese

La formazione di Di Maria domina per buona parte del match contro la squadra siciliana ma si fa riprendere grazie ad un rigore e ad un gol sugli sviluppi di un corner in pieno recupero.

La formazione di Di Maria domina per buona parte del match contro la squadra siciliana ma si fa riprendere grazie ad un rigore e ad un gol sugli sviluppi di un corner in pieno recupero.

Informazione pubblicitaria
Un notevole gesto atletico di Allegretti (foto Lo Gatto)
Informazione pubblicitaria

Può prendersela solo con se stessa la Vibonese di mister Di Maria, incappata anche ieri al Luigi Razza contro la Leonfortese in una gara che ha messo in luce ancora una volta l’incapacità di capitalizzare al massimo il buon lavoro svolto per buona parte dei novanta minuti di gioco. Bella e sprecona si potrebbe dire della compagine rossoblù, passata in vantaggio addirittura di due gol nei primi quindici minuti di gioco e capace di complicarsi la vita da sola, nonostante riesca praticamente a non far vedere lo specchio della porta alla formazione avversaria.

Informazione pubblicitaria

Alla Leonfortese, infatti, serve un rigore per accorciare le distanze e un gol su palla inattiva nel recupero per agguantare un pareggio insperato che condanna la squadra di casa all’ennesima occasione persa. Ci pensano Bertini da breve distanza e Allegretti con un tiro al volo dal limite dell’area a mettere la gara nel giusta direzione dopo appena un quarto d’ora di gioco. La Vibonese domina ma le avvisaglie che qualcosa può andar storto non tardano ad arrivare. Al 34’ del primo tempo, Scapellato atterra Catanese in area e arriva il penalty decretato dall’arbitro Di Graci. Lo Coco realizza e la Leonfortese di rianima. Segue la reazione dei rossoblù che costruiscono molto di più degli ospiti e in alcune occasioni vanno vicinissimi al gol. Non succede e la contromossa siciliana si gioca sul piano tattico, con l’allenatore ospite che effettua tre sostituzioni mandando in campo forze fresche che tuttavia non impensieriscono la difesa vibonese. Non accade più nulla di significativo fino al novantesimo, quando Saraniti, subentrato in corsa come il neo acquisto Crucitti, si vede annullare un gol. Sulla successiva azione di rimessa arriva un calcio d’angolo a favore dei siciliani dal quale scaturisce il gol del pareggio firmato da Catanese e, con esso, un’altra occasione persa per la squadra di casa.

Il tabellino della gara:
Vibonese 2
Leonfortese 2

VIBONESE (4-4-2): Parisi (95), Castaldo (97), Scoppetta, Bertini, Patti (96), Da Dalt, Cuomo, Cosenza, Scapellato (96) (29’st Lavilla (97), Garat (22’st Crucitti), Allegretti (34’st Saraniti). A disposizione: Barbieri (98), Paviglianiti, Puntoriere (95), Vallone (95), Calemme (97), Ferrario (99). Allenatore: Di Maria

LEONFORTESE (5-4-1): Valenti, Castro (97), Chiazzese (96), Raimondi, Pettinato, Tarantino (96), Catanese, Calabrese, Speciale (96) (10’st Mittica (95) 6,5), Bonanno (10’st Caputa6), Lo Coco (15’st Cortese 5,5). A disposizione: Costanzo (96), Prestigiacomo, Russo, Barcellona (98), Messina (97), Protopapa (97). Allenatore: Mirto

ARBITRO: Di Graci di Como (Paone di Ercolano e Varrà di Siena)

MARCATORI: 5’ pt Bertini (V), 15’ pt Allegretti (V), 34’pt Lo Coco (L, rigore), 46’st Catanese (L)

NOTE: giornata di sole, spettatori 400 circa. Ammoniti: Raimondi, Chiazzese (L). Angoli: 4-4. Rec. 2’pt e 4’st.

La classifica del girone I di serie D: Siracusa 33, Frattese 32, Cavese 32, Due Torri 27, Vibonese 26, Sarnese 25, Reggio Calabria 24, Aversa Normanna 23, Palmese 23, Marsala 22, Gragnano 22, Noto 21, Leonfortese 21, Agropoli 17, Rende 16, Roccella 15, Gelbison 14, Scordia 11, Vigor Lamezia 7.

Le interviste post-gara: