mercoledì,Febbraio 28 2024

Crolli all’Isola di Tropea, il docente Unical Fabio Ietto si tira fuori dal dibattito dopo il modus operandi del sindaco

Il professore, che aveva messo gratuitamente a disposizione del Comune l'eccellenza universitaria in campo tecnico e scientifico, sottolinea: «Non sono più disposto ad accettare attacchi immotivati, sebbene indiretti e velati, alla mia onestà intellettuale»

Crolli all’Isola di Tropea, il docente Unical Fabio Ietto si tira fuori dal dibattito dopo il modus operandi del sindaco
L'Isola di Tropea dopo l'ultimo crollo e nel riquadro a destra il docente Unical Fabio Ietto. a destra il sindaco Giovanni Macrì
Il geologo dell’Unical Fabio Ietto

Aveva pubblicamente segnalato la disponibilità gratuita di un team accademico di geologi, il professore Fabio Ietto, docente associato del Dipartimento di Biologia, Ecologia e Scienze della Terra dell’Università della Calabria. Il tutto al fine di offrire una consulenza tecnico-scientifica per gli urgenti interventi di messa in sicurezza dell’Isola di Tropea, in risposta al significativo crollo della porzione ovest della falesia. Se «l’iniziale disinteresse dell’amministrazione comunale rispetto alla mia proposta aveva suscitato in molti un senso di perplessità – ci spiega il docente di geologia applicata -, il crollo più recente, capitato quasi per dimostrare perentoriamente la gravità della situazione, ha determinato in seno alla Giunta comunale una reazione inspiegabilmente avversa nei confronti di chi si era prestato ad una collaborazione totalmente disinteressata». Infatti, pur senza rivolgersi direttamente a Fabio Ietto, «il sindaco Giovanni Macrì ha affermato che, al contrario di quanto dichiarato da chi provoca un inutile allarmismo sulle condizioni dell’Isola, il Comune è al lavoro con operazioni programmate di disgaggio e pulizia della spiaggia, presto destinata a essere restituita al turismo». [Continua in basso]

«Al di là dell’oggettiva situazione di elevato rischio per i bagnanti che dovessero scegliere proprio quell’area per il loro relax, della veridicità tecnica delle affermazioni del sindaco e della bontà delle operazioni in atto», Fabio Ietto – intendendo rivolte anche a lui tali accuse – ha dichiarato di «ritenere opportuno, in questa fase, non esprimersi ulteriormente sulla faccenda e di uscire dal vuoto dibattito che si è costruito intorno alla sua proposta gratuita e disinteressata di collaborazione. Tale scelta – dice il professore – è determinata non solo dall’evidente disinteresse del sindaco e degli altri enti coinvolti, che non hanno accennato a rispondere, in senso positivo o negativo all’invito né ad accettare un dialogo costruttivo con chi rappresenta l’eccellenza in campo tecnico e scientifico in area regionale, ma anche da una personale necessità di opporsi alle indirette accuse di aver provocato un infondato allarmismo circa le reali condizioni di pericolo e le conseguenze che queste potrebbero provocare sul turismo e sulla conservazione della chiesa simbolo della Calabria tirrenica». [Continua in basso]

Giovanni Macrì

Il docente Fabio Ietto, infatti, sottolinea di «non essersi mai espresso sul merito di tali questioni di contesto, ma di essere rimasto fermamente concentrato, nel suo discorso pubblico, sulle sole condizioni di sicurezza e conservazione della falesia», ossia i soli temi che gli competono in quanto professionista e docente universitario. «Mentre ci si continua a interrogare sulle ragioni che hanno spinto il sindaco, in quanto funzionario dello Stato sul territorio locale, a rifiutare a priori l’assistenza gratuita e un aperto confronto con l’Università», il professore si conferma «non più disposto ad accettare immotivati attacchi, sebbene indiretti e velati, alla propria onestà intellettuale». A tutela della propria integrità professionale, il professore ha dichiarato di «autoescludersi da quello che da iniziale dialogo per una comune cooperazione per la salvaguardia del bene paesaggistico della “Perla del Tirreno”, si è trasformato, senza concreti motivi, in uno sterile misunderstanding, se non in una consapevole e pretestuosa opposizione ideologica, veicolata persino dalla Tv di Stato».

LEGGI ANCHE: Crolli a Tropea, il geologo dell’Unical Fabio Ietto: «Anche piazza Cannone è a rischio»

Disastro all’Isola di Tropea, il sindaco: «Crolli programmati negli interventi del Comune»

Isola e rupe a rischio a Tropea, la minoranza propone convenzione con l’Unical

 Nuovo crollo all’Isola di Tropea – Video/Foto

Crollo del costone dell’Isola di Tropea, il geologo: «Inspiegabile il silenzio delle istituzioni»

Crollo costone dell’Isola a Tropea, il docente Ietto: «Si rischia di perdere il tunnel, ecco come stanno le cose»

Crollo costone dell’Isola a Tropea, docente dell’Unical: «Cronaca di un disastro annunciato»

Tropea, aggiudicate le opere di protezione e mitigazione del rischio da erosione costiera

Tropea e la salvaguardia dell’Isola, del porto e della spiaggia: ecco perchè la nuova barriera rischia di creare enormi danni

top