domenica,Maggio 19 2024

Inquinamento, a Vibo la presentazione di sei nuove motobarche “spazzamare”

Appuntamento presso la Capitaneria di porto. Il tratto di costa tirrenica, oggetto dell’attività di pulizia degli specchi d'acqua, sarà suddiviso in sei comparti

Inquinamento, a Vibo la presentazione di sei nuove motobarche “spazzamare”

Domani, mercoledì 26 luglio alle ore 10, presso la sala Conferenze della Capitaneria di Porto di Vibo Valentia, si terrà la presentazione del progetto per la pulizia degli specchi acquei del litorale tirrenico della Calabria compreso tra i Comuni di Tortora (provincia di Cosenza) e di Nicotera (provincia di Vibo Valentia). In particolare, saranno presentati gli interventi di pulizia costiera da effettuarsi attraverso l’utilizzo di sei battelli “spazzamare” che la Regione Calabria, a seguito di gara, ha aggiudicato alla società “Garbage Group” di Ancona. All’incontro parteciperà il direttore generale del Dipartimento Ambiente della Regione Calabria, Salvatore Siviglia. Saranno presenti anche il Ceo di “Garbage Group” Paolo Baldoni, la società che gestirà il servizio e rappresentanti del Comune di Vibo Valentia e dell’Autorità del Sistema Portuale di Gioia Tauro. Il tratto di costa tirrenica, oggetto dell’attività di pulizia degli specchi d’acqua, sarà suddiviso in 6 comparti: Tortora – Scalea; Diamante– Bonifati; Guardia Piemontese – Falconara Albanese; Amantea – Gizzeria; Pizzo – Zambrone; Tropea – Foce fiume Mesima. L’iniziativa si inquadra nell’ambito di tutta quella serie di attività e di sforzi della Regione Calabria, che si è concentrata, negli ultimi due anni sulla risoluzione delle criticità del sistema depurativo calabrese, e in particolare, della fascia costiera tirrenica, tenuto conto delle situazioni di pericolo per la salute pubblica e del notevole impatto ambientale, in materia di trattamento delle acque reflue urbane. La pulizia degli specchi d’acqua del litorale tirrenico sarà realizzato mediante recupero e rimozione dei rifiuti solidi galleggianti e semi sommersi e delle sostanze grasse e oleose, da eseguirsi con un numero necessario di passate di motobarche munite di appositi dispositivi allo scopo di rendere le zone completamente pulite, compreso il trasporto e lo smaltimento presso discarica autorizzata dei materiali di cui sopra, per un periodo decorrente dal 27 luglio al 26 agosto 2023.

LEGGI ANCHE: Dal mare sporco all’emergenza idrica: «Vibo versa in uno stato disastroso da decenni»

Mare sporco, ancora segnalazioni da Bivona e Pizzo

Mare sporco e depurazione, l’analisi dell’architetto Gelanzè tra progettualità e interventi estemporanei

Articoli correlati

top