Carattere

Affrontati temi come pulizia e manutenzione delle strade, sicurezza, smaltimento dei rifiuti. Priolo: «Bene il confronto con le istituzioni ma i cittadini dovranno recuperare il senso civico»

Ambiente

Parlare di salute significa necessariamente discutere di problemi ambientali. Per questo motivo i rappresentati di “Cittadinanzattiva” hanno incontrato nella giornata di ieri l’assessore Antonio Scuticchio. Un confronto definito proficuo, durante il quale sono stati posti all’attenzione del membro della giunta Costa, temi cari alla comunità vibonese: il cattivo stato delle strade, la pulizia e il decoro urbano, smaltimento dei rifiuti, i temi della sicurezza. Aspetti che pur non connettendosi direttamente alla “Sanità”, in cima alla lista del sodalizio rappresentato da Tina Priolo, incidono notevolmente sul benessere dei cittadini.

«L’assessore – ha precisato la Priolo – ha dimostrato apertura e interesse alle questioni sollevate. E’ la prima volta che ci “interfacciamo” con il mondo della politica e lo abbiamo fatto nell’interesse della nostra comunità». Non semplicemente una questione di decoro urbano, di spazzamento delle strade e delle piazze: «Vorremmo che crescesse l’attenzione nei confronti dei luoghi storici, che la tutela delle bellezze locali partisse anche dal basso». L’esempio può essere rappresentato dai terreni incolti e abbandonati: «Curare i propri appezzamenti contribuirebbe a dare un’immagine positiva anche in vista della stagione estiva».

Inoltre, s’è discusso della questione viabilità e della manutenzione delle arterie di collegamento deteriorate e pericolose per l’utenza. In vista dell’approvazione del bilancio, l’amministrazione Costa in quella sede rappresentata dall’assessore, ha espresso massimo impegno per stanziare somme più generose per la bitumazione delle strade. Altra nota dolente ha riguardato la questione “sicurezza”.

Oltre alla possibilità di avviare in collaborazione con “Cittadinanzattiva” progetti di monitoraggio di quartieri, durante l’incontro si è considerata l’ipotesi di installare impianti di videosorveglianza nelle zone più a rischio. Basti pensare ai continui episodi di vandalismo registrati nel cuore della città. Misure per contrastare un degrado di cui ciascuno, se pur in minima parte, è responsabile: «Ci siamo posti, per la prima volta, in un rapporto di collaborazione con l’amministrazione comunale e ci auguriamo che questo porti buoni frutti. I cittadini – conclude la Priolo – devono tuttavia  recuperare il senso civico e dimostrare di avere a cuore le sorti della nostra città».

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook