Parghelia, il consigliere intimidito non ha dubbi: «Non ci fermeremo» – Video

Due pneumatici squarciati e un biglietto minatorio riguardante l’azione amministrativa, ma Vallone va avanti: «Gesto vile e meschino»

Due pneumatici squarciati e un biglietto minatorio riguardante l’azione amministrativa, ma Vallone va avanti: «Gesto vile e meschino»

Informazione pubblicitaria
L'assessore alla Cultura di Parghelia Gabriele Vallone
Informazione pubblicitaria

Appare tranquillo Gabriele Vallone, il 22enne consigliere delegato alla Cultura del Comune di Parghelia, oggetto, lo scorso venerdì, di un’azione intimidatoria che ha colpito la sua auto, una Fiat Seicento parcheggiata in una via della vicina Tropea, dove lo stesso si reca quotidianamente per motivi personali. Due pneumatici squarciati e un pizzino minatorio lasciato sul parabrezza, che ora è al vaglio dei carabinieri della Compagnia di Tropea che si occupano del caso: «Nessuna minaccia di morte – ci tiene a precisare il giovanissimo consigliere – ma solo minacce, se così possiamo chiamarle, riguardanti la nostra trasparente attività amministrativa». Vallone non si piega e si definisce «non spaventato ma infastidito e scocciato per questo gesto vile e meschino», di cui non riesce a individuare i contorni: «Non ho mai avuto discussioni con nessuno in precedenza, quindi non saprei quali siano le motivazioni dietro questo gesto». A pochi mesi dalle elezioni, l’amministrazione di cui fa parte, capeggiata dal sindaco Antonio Landro, è già alla seconda aggressione: lo scorso 14 dicembre, infatti, a essere presa di mira era stata l’auto del vicesindaco, Tommaso Belvedere, «a cui va ovviamente la mia solidarietà», precisa Vallone il quale non ha dubbi: «Andremo avanti senza alcun timore operando per il bene comune». Ferma condanna e solidarietà al consigliere anche da parte del primo cittadino, Antonio Landro, il quale ha ribadito con forza l’azione di governo: «Andremo avanti per la nostra strada seguendo un programma improntato al rispetto delle regole e ai diritti per tutti i cittadini: niente privilegi e nessuna scorciatoia».

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHEAmministratori sotto tiro nel Vibonese, gomme squarciate e messaggio minatorio ad assessore