sabato,Aprile 20 2024

Inaugurato il Giardino di Alì per ricordare le vittime del naufragio di Cutro

È stato dedicato al bimbo senza nome. Il sindaco Voce: «I calabresi e i crotonesi hanno dato prova di una solidarietà straordinaria»

Inaugurato il Giardino di Alì per ricordare le vittime del naufragio di Cutro
Il giardino di Alì, foto ansa

Novantaquattro piante per realizzare un ricordo perenne in memoria delle vittime del naufragio di Steccato di Cutro. Sono quelle piantumate nel ‘Giardino di Alì’ che il Comune di Crotone ha inaugurato stamane in occasione delle manifestazioni per l’anniversario della strage di migranti del 26 febbraio 2023. Il giardino che si trova all’ingresso della città, è lungo 250 metri e largo 9. «Sono stati giorni durissimi quelli del 26 febbraio dell’anno scorso -. ha detto il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce – ma i calabresi, i crotonesi hanno dato prova di una solidarietà e di una umanità straordinaria. Il giardino è bellissimo, abbiamo voluto dedicarlo ad Alì, un bambino che era rimasto uno dei pochi senza nome ma era solo identificato con la sigla KR16M0. A lui abbiamo pensato per realizzare un luogo che simboleggia, attraverso gli alberi che abbiamo piantato, la rinascita della città». All’inaugurazione, sotto una pioggia battente, c’era anche il prefetto di Crotone, Franca Ferraro. «Ho vissuto il terremoto de L’Aquila – ha detto – e so cosa significa ricordare. Ricordare è importantissimo ed è bello poterlo fare con questa idea meravigliosa. Qui tutti coloro che hanno un pensiero triste, un problema, che si sentono soli e abbandonati possono trovare un minimo di conforto. È lodevole quello che voi, il territorio, la Calabria, voi tutti avete fatto con l’accoglienza dei migranti. Questa è una terra accogliente fatta di persone che si preoccupano di chi gli sta a fianco a prescindere da etnia, cultura, colore». Nel giardino, sorto grazie alla disponibilità dell’Autorità di sistema portuale e della Capitaneria di Porto, ci sono 94 piante di quattro specie: tamerici, callistemon, feijoa e corbezzolo. Nelle prossime settimane sarà realizzato il prato. «Volevamo – ha detto l’assessore al verde pubblico, Sandro Cretella – realizzare un ricordo permanente. Da lì si è materializzata idea di fare questo giardino visibile a chiunque: ci sono alberi grandi per ricordare gli adulti e cespugli che ricordano i minori deceduti nel naufragio di Cutro». All’inaugurazione hanno partecipato familiari delle vittime e l’ambasciatore della Repubblica islamica dell’Afganistan, Khaled Ahmad Zekriya. (Ansa)

LEGGI ANCHE: Il ministro Piantedosi in Calabria per omaggiare le vittime del naufragio di Cutro

Naufragio di Cutro, il network LaC in campo per mantenere viva la memoria  

Arrestato il sesto e ultimo scafista del naufragio avvenuto a Steccato di Cutro

Articoli correlati

top