sabato,Maggio 8 2021

Armi nascoste nei terreni, arresti dei carabinieri tra Dasà e Dinami

Nel corso di alcune perquisizioni è stato rinvenuto un fucile con matricola abrasa e relativo munizionamento. I due sono stati posti ai domiciliari

Armi nascoste nei terreni, arresti dei carabinieri tra Dasà e Dinami

Numerose perquisizioni, nella giornata di ieri, da parte dei carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno, al comando del capitano Marco Di Caprio. Nel corso dell’attività, nei comuni di Dasà e Dinami, i militari dell’Arma, unitamente allo Squadrone eliportato Cacciatori Calabria e al Nucleo cinofili di Vibo Valentia, si sono concentrati su alcune abitazioni e terreni nella zona Marepotamo, al confine tra i due comuni. In particolare, in uno di questi terreni, coltivato ad agrumeto, è stato rinvenuto un fucile perfettamente funzionante calibro 12, sovrapposto, con matricola abrasa con relative 11 munizioni, ben occultato all’interno di un tubo metallico posto nelle adiacenze dell’impianto frenante di un autoarticolato parcheggiato all’interno del terreno in questione. Il terreno è risultato di proprietà di due uomini del posto: Domenico Fusca, 38 anni di Dasà e Giuseppe Vomera, 59 anni originario di Melicucco. L’arma e il relativo munizionamento sono stati sottoposti a sequestro per gli ulteriori accertamenti tecnici volti a verificarne la provenienza. I due sono stati quindi arrestati in flagranza di reato per possesso ingiustificato di armi e munizioni e ristretti agli arresti domiciliari a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Articoli correlati

top