Senza stipendio da mesi. Operai sul tetto del Comune a Pizzo

Diciassette addetti alla raccolta rifiuti sono saliti questa mattina sul tetto dell’edificio comunale minacciando di buttarsi giù.

Diciassette addetti alla raccolta rifiuti sono saliti questa mattina sul tetto dell’edificio comunale minacciando di buttarsi giù.

Informazione pubblicitaria
Operai sul tetto del Comune di Pizzo
Informazione pubblicitaria

Si riaccende la protesta degli operai addetti alla raccolta dei rifiuti al comune di Pizzo, che ancora attendono il pagamento di diversi stipendi arretrati da parte della Eurocoop, società a sua volta posta sotto pignoramento da Equitalia. Diciassette di loro sono saliti da questa mattina sul tetto dell’edificio comunale, minacciandosi di buttarsi giù se non verrà al più presto trovata una soluzione alla loro vicenda.

Informazione pubblicitaria

La ditta pignorata da Equitalia non paga gli stipendi. Lavoratori in catene a Pizzo

Nei giorni scorsi, come si ricorderà, alcuni tra loro si erano incatenati nell’androne del Municipio, sostenuti come nella forte protesta di questa mattina, dal sindacato Slai Cobas guidato da Nazzareno Piperno, e dallo stesso assessore comunale all’Ambiente, Fabrizio Anello. Il Comune di Pizzo aveva infatti provato a richiedere l’attivazione delle procedure sostitutive al fine di saldare direttamente le spettanze agli operai. Richiesta che però si scontra con i limiti della normativa che non consente di subentrare ad aziende poste sotto pignoramento. Sul posto i Vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia e i carabinieri della locale stazione guidati dal maresciallo Paolo Fiorello.