Randagismo, ancora un cucciolo trovato morto: è allarme a Briatico

Aumenta a dismisura il numero dei cani che vagano liberamente per le vie del paese. I residenti: «Necessario intervenire»
Aumenta a dismisura il numero dei cani che vagano liberamente per le vie del paese. I residenti: «Necessario intervenire»
Informazione pubblicitaria
Il cane trovato morto a Briatico
Informazione pubblicitaria

Una questione non più rimandabile. È il fenomeno del randagismo che registra livelli allarmanti anche a Briatico. Nella mattinata di oggi, nei pressi di località Rocchetta, un cucciolo di cane è stato trovato morto. Al momento le cause sono sconosciute. Potrebbe essere stato investito, oppure picchiato o avvelenato. Sta di fatto che è stato trovato ricoperto di sangue. Poco distante, anche il gruppo di randagi cui faceva parte. Quanto avvenuto, confermano i residenti, non si tratterebbe di un caso isolato.

Diversi cani si aggirano da tempo in paese, soprattutto nella zona Marina: «A volte stanno accucciati, altre abbaiano, altre volte ancora inseguono i passati», fa sapere la scrittrice Giusy Staropoli Calafati che, stamani, durante una passeggiata sul lungomare, si è imbattuta nel cucciolo morto.

Una scena molto triste, ribadisce, nel chiedere – anche a nome della comunità – interventi concreti: «Qualche tempo fa è venuto l’accalappiacani. Ne ha preso qualcuno, altri sono rimasti. Sta di fatto – fa presente – che questo non può essere un problema a lungo rinviabile». E non solo in termini di immagine per la città di Briatico ma anche di tutela pubblica e di benessere degli stessi animali, costretti a vagare affamati, esposti alle intemperie e alla mano violenta dell’uomo.

Informazione pubblicitaria