Ricadi: parcheggi e strisce blu, nulla di nuovo. Proteste rimaste inascoltate

A Capo Vaticano e dintorni le tariffe rimangono invariate, mentre a Santa Domenica il Comune installa nuovi parcometri in sostituzione dei precedenti. Intanto a Formicoli la strada frana…

A Capo Vaticano e dintorni le tariffe rimangono invariate, mentre a Santa Domenica il Comune installa nuovi parcometri in sostituzione dei precedenti. Intanto a Formicoli la strada frana…

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Nulla di nuovo sotto il Sole di Ricadi in tema di parcometri, tariffe e parcheggi. La giunta comunale ha infatti deliberato di demandare al responsabile dell’Area di vigilanza del Comune l’adozione di ogni atto per la concreta attuazione di una direttiva in tema di installazione dei parcometri. E così, dopo l’acquisto nel 2016 di alcuni parcometri per una spesa complessiva di quasi cinquemila euro, la giunta comunale decide ora di acquistarne di nuovi in sostituzione dei precedenti. Il motivo è presto detto e lo spiega la stessa delibera di giunta. “Premesso che per la stagione turistica 2018 si rende necessario dotare i parcheggi comunali ubicati nei pressi delle spiagge e nella zona urbana della frazione di Santa Domenica di macchine elettroniche per il pagamento dei ticket-parkin, moderni ed efficienti – si legge nella delibera – e dato atto che i dispositivi marcatempo in dotazione sono stati acquistati nel 2016 ma non di nuova produzione, mai rigenerati e privi di caratteristiche personalizzabili, ritenuto di dover installare parcometri conformi alla nuova normativa, con personalizzazione del ticket-parkin, con inserimento dell’utilizzatore o della targa del veicolo, apparecchiature con caratteristiche antiscasso e antirapina, pannello solare e altri accessori, ecco la delibera della giunta diretta al responsabile dell’Area di vigilanza del Comune per installare i nuovi parcometri. 

Informazione pubblicitaria

Le tariffe anche per il 2018 resteranno invariate, vale a dire un euro per ogni ora di parcheggio a Santa Maria, al Tono ed a Formicoli, mentre ben due euro all’ora continuerà a costare il parcheggio a Grotticelle ed a Baia di Riaci. Una scelta, quest’ultima, più che discutibile. Il 9 luglio del 2016 era stato lo stesso assessore Paolo Morabito a dichiarare alla Gazzetta del Sud: “Abbiamo disposto l’acquisto di 8 parcometri ma la tariffa di due euro ad ora disposta dalla commissione straordinaria appare piuttosto elevata. Stiamo valutando nuove iniziative anche perché il malcontento non è poco”. 

Anno 2018: la tariffa non è stata abbassata ma anzi riconfermata pure quest’anno così come per il 2016 ed il 2017. C’è inoltre da dire che la tariffa di due euro all’ora a Grotticelle ed a Baia di Riaci era stata decisa non dalla commissione straordinaria – per come dichiarato dall’assessore Morabito alla Gazzetta – bensì dall’amministrazione dell’ex sindaco Pino Giuliano e poi mantenuta pure dalla commissione straordinaria che è subentrata agli ex amministratori dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose dell’amministrazione Giuliano.

Anche gli spazi per i parcheggi restano attualmente invariati, e quindi totalmente fuorilegge in molte zone del territorio comunale in quanto le strisce bianche sono in numero del tutto insufficiente rispetto a quelle blu. Tanto per dare qualche numero, a Santa Maria in località Fortino i posti delimitati dalle strisce blu sono poco più di 40, quattro quelli con le strisce gialle per i residenti e tre quelli per i portatori di handicap. Zero quelli delimitati dalle strisce bianche.

A Grotticelle il piazzale è invece tutto delimitato dalle strisce blu per un totale di 26 posti auto. Al Tono sono 88 i posti delimitati dalle strisce blu, 10 quelli per i residenti (strisce gialle) e solo 7 quelli con le strisce bianche. A Formicoli poco meno di 60 posti con le strisce blu, quattro con le strisce bianche, quattro gialle e due per i portatori di handicap. Più o meno stesso discorso a Baia di Riaci.

Tali scelte discutibili in tema di parcheggi, parcometri e strisce blu avvengono peraltro in un territorio dove – se si esclude la strada di località “Palo Campia” andata di recente in appalto dopo anni di abbandono – poco o nulla è stato fatto per riparare le buche e migliorare il manto stradale. Le strade del territorio di Ricadi restano infatti in totale stato di abbandono, nonostante i parcheggi si paghino profumatamente. Ed anche il resto del territorio non brilla, basta pensare allo “spettacolo” del tubo del depuratore (in foto in basso) che continua da mesi a fare brutta mostra di sé sulla spiaggia di località “Fortino”, in attesa che venga interrato a dovere.

Nel frattempo, aspettando i nuovi parcometri, a Formicoli la strada risulta quasi del tutto inagibile a causa delle frane (vedi foto) mentre al Tono il mare ha causato danni non da poco cancellando parte della spiaggia ed altre “opere” a ridosso della battigia.

LEGGI ANCHE: 

Capo Vaticano: Tar annulla demolizione della barra sulla strada di località Meschita

Capo Vaticano, il Tar conferma: “Giusta la demolizione del cancello abusivo al Belvedere”

Occupazione abusiva di suolo demaniale a Capo Vaticano, sequestrati sdraio e ombrelloni

Capo Vaticano: la condotta di scarico delle acque reflue torna a “galla” a S. Maria di Ricadi

Ricadi-Capo Vaticano: le “cartoline” di turisti e residenti

Capo Vaticano: l’idea di una nuova frazione, fra slogan e coup de theatre

Capo Vaticano: rotta a S. Maria di Ricadi la condotta sottomarina di scarico delle acque reflue

Ricadi, la denuncia di Legambiente: «Da un anno mancano dati sulla potabilità dell’acqua»

IL COMMENTO | Il voto a Ricadi, fra “messaggi” politici e indegna “caciara”