lunedì,Febbraio 6 2023

Vibo, riprendono i concerti all’Auditorium dello Spirito Santo

Protagonisti della prima esibizione i musicisti spagnoli Claudia Sevilla e Antonio Soria. Gli eventi sono organizzati dal Conservatorio "Fausto Torrefranca" e da Ama Calabria

Vibo, riprendono i concerti all’Auditorium dello Spirito Santo
L'Auditorium dello Spirito Santo

Domani pomeriggio, alle ore 18:00, riprendono i concerti all’Auditorium dello Spirito Santo di Vibo Valentia, organizzati dal conservatorio di Musica “Fausto Torrefranca” e da Ama Calabria. Protagonista dell’evento sarà il duo pianistico composto dai musicisti spagnoli Claudia Sevilla e Antonio Soria. La manifestazione si realizza con il sostegno del Ministero della Cultura direzione generale dello spettacolo e della Regione Calabria nell’ambito del progetto Calabria Straordinaria. [Continua in basso]

Claudia Sevilla e Antonio Soria

Claudia Siviglia, docente presso la “École International de Musique et Danse” di Casablanca (Marocco) dal 2018 al 2021, è entrata a far parte del gruppo di insegnanti di Musica e Arti dello spettacolo nel giugno 2021, con destinazione al Cpm “Torrejón y Velasco” ad Albacete. Specializzata anche in fortepiano e musicologia, si è formata presso il Csm “Rafael Orozco” di Córdoba, École Normal “Alfred Cortot”, Université de la Sorbonne di Parigi (Master di interpretazione del fortepiano), studiando con Ramzi Yassa, Paul Blacher, Jeanne Roudet, Edoardo Torbianelli Albert Attenelle, Christopher Elton, David Kuyken, Hortense Cartier-Bresson, Denis Pascal e Antonio Soria, con il quale esegue concerti a quattro mani in Belgio, Italia, Francia e Spagna. Si è esibita in prestigiose sale tra cui l’Abbazia di Royaumont, Cité Internationale Universitaire (L’uccello di fuoco di Stravinsky), il teatro di La Coupole sotto la direzione di Adrian McDonnell, la Buñuel Hall del Colegio de España della Cité Universitaire de Paris.

Antonio Soria, formatosi a Barcellona e Bordeauz con Ramòn Coll (piano) e Francis Chapelet (organo), è stato influenzato da Vlado Perlemuter, Germaine Mounier, Ma Joao Pires, Alexis Weissenberg e Alicia de Larrocha, che descrive la sua registrazione del lavoro per pianoforte di Joaquin Tuirna, in 16 cd, come “Integral Històrica”. Si esibisce come solista in più di venti Paesi con numerose orchestre e al fianco di artisti come Elena Obraztsova, Paul Meyer o Paul Badura-Skoda. Vincitore del concorso internazionale di interpretazione musicale “Paper de Mùsica de Capellades” (Barcellona), ha un master e dottorato presso l’Università di Valencia, un master in musicologia presso l’Università di La Rioja ed è professore di pianoforte presso l’Università di Valencia. Csmclm e il Forum University Center di Music di Madrid. E’ regolarmente membro di giuria in concorsi pianistici internazionali: Clara Haskil (Vevey), Porto e “Chopin” di Roma. In qualità di ricercatore ha pubblicato sull’International Journal of Music Education dell’Isme (International Society of Music Education).

Il programma di domani, dal titolo Rapsodie Espagnole, prevede l’esecuzione della “Sonata a 4 manos para piano en Sol M.” di Joaquín Tadeo de Murguia, de “La Procession du Rocio”, op. 9 (nella trascrizione di Jacques Lerolle) di Joaquín Turina, “Zapateado” di Antón García Abril, “Tres divertimentos sobre temas de autores olvidados” di Xavier Montsalvatge, “Sueño y Danza” di Jorge Diego Fernández Valera e la “Rapsodie Espagnole” di Maurice Ravel.

Articoli correlati

top