lunedì,Settembre 20 2021

Innovazione in agricoltura, sinergia tra Gal Terre vibonesi e Università di Reggio Calabria

L’iniziativa punta al coinvolgimento di giovani agricoltori ed imprenditori operanti in zone montane e svantaggiate

Innovazione in agricoltura, sinergia tra Gal Terre vibonesi e Università di Reggio Calabria

Si concretizza un’importante collaborazione tra il Gal Terre vibonesi ed il Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, diretto dal professore Giuseppe Zimbalatti, per mettere in campo una serie di iniziative d’informazione e dimostrazione adeguate ad agevolare un processo d’innovazione che interessi gli addetti al settore agricolo, alimentare e forestale, operanti nelle zone rurali delle “Terre vibonesi”.

«La collaborazione – si apprende da una nota – consiste nella previsione di alcune attività divulgative da svolgere attraverso webinar e, se l’emergenza pandemica lo dovesse consentire, anche tramite seminari, convegni, workshop ed altre azioni necessarie allo scopo prefissato. L’iniziativa punta al coinvolgimento, a seconda dei casi, di agricoltori professionali, giovani agricoltori in età tra i 18 ed i 40 anni ed imprenditori operanti in zone montane e svantaggiate in una serie di incontri tematici/forum tenuti da personale qualificato della struttura tecnica dell’Agenzia di sviluppo e da relatori esperti dell’ateneo reggino».

Vari gli argomenti oggetto delle tavole rotonde formative, «indirizzate principalmente a far acquisire le competenze per agevolare un’evoluzione moderna e strategica dei settori interessati. Si va dalle nozioni necessarie per addivenire ad un ricambio generazionale in agricoltura (con tutte le prospettive, i vantaggi e le opportunità che ciò comporta per i giovani) ai comportamenti corretti da tenere per una gestione efficiente e razionale delle sempre più esigue risorse idriche, passando per l’approfondimento delle strategie per l’adattamento agricolo ai sempre più marcati cambiamenti climatici, le moderne strategie per assicurare il benessere animale e realizzare l’eco-innovazione dei prodotti aziendali, anche attraverso la Life cycle assessment (Lca), le opportunità derivanti dalla digitalizzazione in agricoltura».

Soddisfazione per l’importante sinergia siglata è stata espressa dal presidente e dal direttore del sodalizio, Vitaliano Papillo ed Emilio Giordano, i quali, insieme al resto dello staff, «hanno tra i loro principali pensieri lo sviluppo del territorio nelle varie forme attuabili e non lesinano energie affinché questo si realizzi, con tutti gli effetti benefici che ne derivano».

Articoli correlati

top