domenica,Giugno 16 2024

Morti bianche, Mammoliti (Pd): «Garantire la sicurezza sul lavoro è un dovere»

Il consigliere regionale dem sarà presente al presidio unitario indetto da Cgil, Cisl e Uil lunedì a Catanzaro davanti la Prefettura per dire 'Basta morti sul lavoro': «Bisogna intervenire con urgenza»

Morti bianche, Mammoliti (Pd): «Garantire la sicurezza sul lavoro è un dovere»

«I ripetuti episodi di incidenti mortali sul lavoro registrati durante gli scorsi giorni nel nostro Paese e in Calabria interpellano la coscienza di ciascuno, per come affermato dal presidente Sergio Mattarella, e impongono a tutti gli attori competenti di intervenire con maggiore incisività e forza. Garantire la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro non può essere considerato un costo, ma un autentico investimento e un dovere per tutelare la vita dei lavoratori e applicare concretamente la nostra Costituzione». Lo afferma il consigliere regionale del Pd Raffaele Mammoliti, vice presidente della commissione Bilancio che, è scritto in una nota, con il gruppo del Pd «sostengono l’iniziativa di lunedì a Catanzaro, promossa dalla Cgil, per dire no alle morti sul lavoro». Il consigliere dem ha anche depositato un’interrogazione per chiedere alla giunta interventi immediati.

«Solo attraverso l’affermazione della cultura della prevenzione, la formazione e il rispetto dei contratti di lavoro – prosegue – si potranno evitare infortuni mortali e malattie professionali che negli ultimi tempi stanno costantemente aumentando. In meno di una settimana in Calabria si sono registrate due morti sul lavoro e i dati Inail riportano una media di 80 decessi al mese nel nostro Paese. In questo quadro l’indice di incidenza della Calabria, elaborato dall’Osservatorio sicurezza e ambiente di Vega Engineering, unitamente ad altre regioni (Umbria, Abruzzo e Basilicata) nei primi sette mesi del 2023, è addirittura del 125% superiore alla media nazionale. Il quadro diventa ancora più drammatico se prendiamo in considerazione anche i dati provenienti dai cantieri risultati irregolari soprattutto in Calabria, in seguito alla Maxoperazione ‘vigilanza 110 in sicurezza’, effettuata lo scorso 29 marzo su tutto il territorio nazionale, da Ispettorato del lavoro in collaborazione con Arma dei Carabinieri, Asl, Inps, Inail. Ugualmente preoccupanti risultano, poi, le irregolarità riscontrate dopo i controlli effettuati dall’Ispettorato del lavoro all’interno delle strutture turistiche in Calabria e relative ai rapporti di lavoro, al lavoro nero e all’orario di lavoro. Questi ultimi dati sono stati denunciati pubblicamente anche in seguito alla presa di posizione pubblica della Filcams Cgil regionale che protesterà il prossimo mercoledì sotto la Cittadella».

«A fronte di un quadro così complesso e in via di peggioramento – afferma Mammoliti – sono convinto che occorra agire con la necessaria determinazione e urgenza per assumere provvedimenti adeguati e coerenti per contrastare gli infortuni sul lavoro e evitare morti che non sono più accettabili per un Paese che voglia davvero dirsi moderno. In tale direzione ho presentato un’interrogazione a risposta scritta al presidente della Regione per sapere quali iniziative intenda assumere per rafforzare l’azione di vigilanza da parte delle Asp sull’applicazione della legislazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro in Calabria. Con questa consapevolezza e impegno parteciperò, anche in rappresentanza del gruppo del Pd, al presidio unitario indetto da Cgil, Cisl e Uil lunedì a Catanzaro davanti la Prefettura per dire ‘Basta Morti sul Lavoro’».

LEGGI ANCHE: Incidenti sul lavoro, Cgil: “Troppe morti. Fondamentale la cultura della sicurezza”

Inaugurato a Vibo Valentia l’albero della sicurezza – Video

L’Anmil celebra i suoi primi 80 anni: anche la sezione vibonese agli eventi nazionali -Video

Articoli correlati

top