martedì,Febbraio 27 2024

Visite specialistiche di domenica per abbattere i tempi di attesa: iniziativa dell’Asp di Vibo – Video

Gli operatori del Cup guidati dal responsabile Nicola Nocera hanno convocato i primi 800 pazienti che hanno potuto eseguire gli esami medici

Visite specialistiche di domenica per abbattere i tempi di attesa: iniziativa dell’Asp di Vibo – Video
Nel riquadro Nicola Nocera

Ambulatori per visite specialistiche aperti di domenica a Vibo Valentia, Serra San Bruno e Tropea: è il “Recovery day”, l’iniziativa promossa dall’Asp di Vibo Valentia guidata dal generale Antonio Battistini con l’obiettivo di abbattere le lunghe liste d’attesa. A coordinare l’attività è Nicola Nocera, responsabile del Cup che spiega nel dettaglio il progetto: «Nei giorni scorsi i nostri operatori hanno convocato gli utenti le cui liste d’attesa superano i cento giorni. Nella prima giornata sono stati chiamati 800 pazienti che saranno visitati negli ambulatori dello Jazzolino, al poliambulatorio di Moderata Durant, all’ospedale e all’ambulatorio di Serra San Bruno e a Tropea. L’attività –prosegue – è stata resa possibile grazie alla spinta del commissario Battistini e alle risorse stanziate dalla Regione Calabria che ci ha consentito di potenziare il servizio. Ma l’iniziativa- sottolinea il responsabile del Cup – non si sarebbe potuta svolgere senza l’aiuto di medici e infermieri che hanno dato la loro disponibilità». L’attività andrà avanti nei prossimi mesi con visite che saranno effettuate anche negli orari pomeridiani. «L’intento è quello di ridurre almeno del 40% i tempi ordinari di attesa per arrivare a un massimo di 90 giorni di attesa», dice fiducioso. Un’iniziativa accolta con stupore dalla collettività: «Alcuni non credevano fosse possibile effettuare visite di domenica e pagare il ticket lo stesso giorno. «Mi hanno chiamato per anticipare ad oggi una visita prenotata a luglio. Non ci potevo credere», dice un paziente davanti allo sportello dell’ufficio ticket. «È il segno tangibile che qualcosa si sta muovendo nella direzione giusta», esulta un utente. «Abbiamo contribuito a far sbloccare le liste di attesa grazie alle Pec che l’associazione “Voglia di Vivere” ha inoltrato al presidente della Regione e all’Asp», commenta un altro utente in attesa al Si prende il merito dell’iniziativa. D’altronde sono anni che la cittadinanza lamenta le lunghe attese che spingono molti a rivolgersi  a strutture private, o peggio a rinunciare alle cure. «Dopo il Covid – ammette Nocera – si sono allungati i tempi di attesa, ecco perché abbiamo deciso di promuovere un progetto che potesse ridurre i tempi a vantaggio della popolazione. L’iniziativa– conclude il responsabile aziendale del Cup – testimonia l’impegno costante dell’Asp per garantire un servizio sanitario di qualità e ridurre al minimo i tempi di attesa, con particolare attenzione per i casi più urgenti».

LEGGI ANCHE: Vibo, reparto di Psichiatria in sofferenza: posti letto al completo e un solo medico in corsia

Commissione di accesso agli atti all’Asp di Vibo per accertare eventuali infiltrazioni mafiose

Casa comunità a Pizzo, il Comitato non molla la presa e scrive a Occhiuto

Ospedale “San Bruno”, Procopio: «Inaccettabile il comportamento del sindaco Barillari»

Articoli correlati

top