lunedì,Giugno 27 2022

Eventi Libera a Gerocarne, il sindaco: «Il dirigente del Comprensivo assente ingiustificato»

Il primo cittadino Papillo contro il dirigente reggente Vinci: «Ha dimostrato di non comprendere la grandissima rilevanza delle iniziative»

Eventi Libera a Gerocarne, il sindaco: «Il dirigente del Comprensivo assente ingiustificato»
Evento Libera a Gerocarne

«Le recenti iniziative organizzate dall’associazione “Libera” in ricordo delle vittime innocenti di mafia hanno fatto registrare tante note positive. Una grande partecipazione popolare, segno che c’è voglia di cambiamento». Lo scrive in una nota il sindaco di Gerocarne, Vitaliano Papillo che evidenzia: «L’importante presenza del prefetto, del vescovo, delle più alte cariche delle forze dell’ordine. La condivisione di tanti colleghi sindaci e amministratori, che denota amore per il territorio e attaccamento allo stesso. Ma, soprattutto, un’appassionante e straripante partecipazione di bambini e ragazzi dell’istituto omnicomprensivo di Soriano, Gerocarne e Sorianello (ma non solo, visto che erano presenti delegazioni di studenti di altri centri della provincia, anche particolarmente distanti da Gerocarne). È proprio con riferimento alla scuola che voglio sottolineare uno dei pochi, forse l’unico, aspetto negativo dell’intera iniziativa: l’assenza ingiustificata del dirigente reggente dell’istituto, Francesco Vinci, che, non partecipandovi, ha dimostrato di non comprendere affatto la grandissima rilevanza dell’evento». [Continua in basso]

Il primo cittadino spiega: «Una manifestazione dall’alto valore simbolico ed educativo che i referenti provinciali di “Libera”, dopo i due anni di stop causa Covid, hanno voluto organizzare a Gerocarne. Invece il dirigente reggente Vinci, forse considerando la sezione gerocarnese dell’istituto di seconda categoria, o per qualche altro motivo che sfugge, ha pensato bene di non presenziare, mancando ingiustificatamente ad almeno due dei tre eventi che hanno visto assoluti protagonisti quelli che, come tutti gli altri degli istituti che dirige (tra cui altri dello stesso plesso), dovrebbero essere i suoi ragazzi: l’incontro a scuola del 18 marzo e quello conclusivo del 21 in piazza, straripante di studenti. Un’assenza che si è fatta notare, perché il dirigente scolastico, così come hanno fatto i docenti, dovrebbe dare il primo esempio ai giovani, essere presente sul posto, confrontarsi con le varie realtà e con chi le amministra in vari temi e, soprattutto, per tutto ciò che riguarda la scuola che, insieme alla famiglia, è il primo presidio educativo per i ragazzi». [Continua in basso]

Per Papillo: «Da almeno due anni, da quando cioè dura la reggenza (con due diversi dirigenti) questo non accade più (almeno per Gerocarne e per le altre realtà “minori”, così come sembrano essere considerate). E le assenze del dirigente Francesco Vinci di questi giorni ne sono la più triste testimonianza. Per questo auspico che all’istituto omnicomprensivo sia assegnato un dirigente effettivo che possa, con la sua costante presenza, essere il primo esempio di dedizione alla funzione educativa, in centri che meritano attenzione. “Tutti” quelli che interessano la “reggenza”. E soprattutto quando le occasioni sono da ritenersi “immancabili”».

Articoli correlati

top