lunedì,Agosto 8 2022

Irene Malfarà, la regina vibonese della pizza conquista l’ambito “Arcimboldo d’oro”

Prestigioso riconoscimento per la titolare della pizzeria “Miseria&Nobiltà” di Parghelia. Altro premio ottenuto dal cosentino Espedito Ammirata

Irene Malfarà, la regina vibonese della pizza conquista l’ambito “Arcimboldo d’oro”
Irene Malfarà

Passione per l’arte “bianca” ma anche amore per il proprio territorio. Trionfo per due pizzaioli calabresi, la vibonese Irene Malfarà e il cosentino Espedito Ammirata, tra i premiati dell’ambito riconoscimento “L’Arcimboldo d’oro”. La fase finale dell’evento, che ha premiato il settore “Pizzeria” si è tenuto nella cornice del Teatro Mav, Museo archeologico virtuale di Ercolano, ai piedi del Vesuvio. Un’occasione importante, una vetrina di pregio per i partecipanti che hanno avuto modo di farsi conoscere ben oltre i confini regionali. La valutazione è stata effettuata da una commissione composta da professionisti della comunicazione. Al centro, l’utilizzo di nuove tecniche, capaci di trasmettere la tradizione e al contempo innovazione. Un premio all’unicità che ha riguardato anche i due illustri rappresentanti della Calabria. [Continua in basso]

Il premio a Irene Malfarà

La statuina dorata è stata tributata ad una cerchia ristretta di pizzaioli. Irene Malfarà risulta tra le migliori espressioni “in rosa” del mondo pizza italiano. Una professionista dinamica e preparatissima, titolare da otto anni della pizzeria “Miseria & nobilità” sita nel cuore di Parghelia. Una passione nata da piccola ma cresciuta e perfezionata nel tempo. Una vera “artista” della pizza, attenta alle materie prime e alle esigenze del cliente.

Espedito Ammirata, foto dalla pagina fb

Il premio a Espedito Ammirata

Altro riconoscimento ha riguardato Espedito Ammirata. Anche per lui, l’amore per l’arte bianca è sbocciato fin dalla tenera età grazie alla scintilla scattata nella pizzeria paterna. Tradizione e innovazione, un binomio che Espedito ha saputo brillantemente coniugare e trasformare in realtà con la pizzeria “Mammarè – Pizza e Chiuriti”, sita a Bisignano, nel Cosentino. È stato anche in Germania per perfezionare la sua arte. Una volta ritornato a casa ha saputo costruire una sua dimensione professionale. I risultati non sono mancati.

Articoli correlati

top