martedì,Giugno 18 2024

Porto di Vibo Marina, la Pro Loco sollecita l’inizio dei lavori finanziati nel 2018

La struttura, anche alla luce del recente meeting di Malaga, non può rimanere fanalino di coda nel sistema portuale calabrese

Porto di Vibo Marina, la Pro Loco sollecita l’inizio dei lavori finanziati nel 2018
Veduta del porto

Nonostante tanti proclami a tutti i livelli, riguardanti lo sblocco dei 18 milioni destinati al porto, nessun intervento concreto ha interessato finora l’infrastruttura portuale di Vibo Marina. Neanche dopo le recenti rassicurazioni, da parte degli assessori regionali competenti, in merito al trasferimento dei fondi dal Ministero delle Infrastrutture alla Regione, che dovrebbe finalmente consentire di utilizzare le risorse derivanti dal Fondo di coesione e sviluppo, i previsti lavori riguardanti interventi tecnico-funzionali per un valore complessivo di 18 milioni di euro sono stati ancora avviati. [Continua in basso]

Situazione che stride con la recente iniziativa messa in campo dall’Autorità di Sistema Portuale dei Mari Tirreno Meridionale e Ionio, guidata dal presidente Andrea Agostinelli, che ha partecipato nei giorni 14 e 15 settembre al meeting “Seatrade Cruise Med” che si è svolto nella città spagnola di Malaga, iniziativa avente come obiettivo quello di presentare agli operatori del settore i porti calabresi fra cui quello di Vibo Marina.

Di questa discrasia si fa interprete la Pro Loco Apt che esprime la propria soddisfazione dopo aver appreso con particolare interesse la promozione portata avanti dall’AdSP alla Fiera internazionale della Crocieristica tenutasi a Malaga al fine di far entrare anche il porto di Vibo Marina nello sviluppo del settore crocieristico in collaborazione con Assoporti e quanti operano nella filiera del turismo nazionale e internazionale, anche con il supporto delle realtà che a vario titolo sono interessati nel rendere bello ed organizzato il luogo e nel favorire al meglio l’accoglienza turistica”. Dopo aver ringraziato l’Autorità Portuale per tale iniziativa, l’associazione turistica della cittadina portuale rimarca come, a questo punto, si rende quanto mai necessario ed urgente il pronto avvio dei lavori previsti per l’infrastruttura, il cui finanziamento risale ad una delibera del 2018.

Il presidente dell’Autorità Portuale Andrea Agostinelli

E’ necessario che, con il contributo di tutti ed in tempi brevi, l’infrastruttura portuale di Vibo Marina venga resa quanto più possibile funzionale per mezzo dei lavori di miglioramento e ammodernamento più idonei e necessari, riguardanti in particolare il consolidamento delle banchine, il potenziamento della diga foranea, il dragaggio dei fondali e la presenza di un’adeguata stazione passeggeri utile per i crocieristi e per i passeggeri in arrivo-partenza per le Isole Eolie. Negli altri porti calabresi – fa rilevare inoltre la Pro Loco – nel corso del 2022 è previsto l’arrivo di navi da crociera: lo scalo di Crotone ha in programma l’arrivo di 31 navi grazie ad un lavoro da tempo avviato dall’AdSP, dalla società di consulenza turistica Alfa21 e con la collaborazione proficua di molti enti. Nel porto di Vibo Marina – rimarca ancora l’associazione – dovrebbe arrivare una sola nave da crociera il 18 novembre prossimo. Ci si attende di conseguenza – conclude la Pro Loco – un rinnovato impegno da parte dell’Autorità di Sistema sull’infrastruttura portuale di Vibo Marina che possa portare ad un suo rilancio nei traffici per il Mediterraneo e le Eolie. Da molti decenni il porto non è interessato da lavori di miglioramento o ampliamento; uno dei porti più antichi ed importanti della regione non può rimanere come fanalino di coda nel sistema portuale calabrese nonostante le sue molte potenzialità”.

LEGGI ANCHE: Promozione settore crocieristico: il porto di Vibo Marina al “seatrade cruise med” di Malaga

Maxi yacht a Vibo Marina: dopo Valentino arriva Diego della Valle con “Altair III”

La storia del generale Malta, a lui intitolati un molo a Vibo Marina e una piazza a Pizzo

Articoli correlati

top