lunedì,Giugno 17 2024

Vibo, gli obiettivi del Comitato scolastico del Capialbi per i diritti umani

Il lavoro svolto dagli studenti confluirà in un volume che verrà dato alle stampe e sarà presentato in occasione della "Giornata della Pace"

Vibo, gli obiettivi del Comitato scolastico del Capialbi per i diritti umani
Il liceo "Vito Capialbi" di Vibo

Il Comitato scolastico per i diritti umani del Liceo Capialbi di Vibo Valentia sta portando avanti da tempo un’idea che propone aspirazioni di breve e lungo respiro. Gli obiettivi di questo progetto che ha preso il via durante l’anno scolastico 2021-2022, grazie all’intuizione della professoressa Anna Murmura e alla fattiva collaborazione del dirigente scolastico Antonello Scalamandrè e dell’associazione Pro Fondazione Antonino Murmura, sono stati elencati e racchiusi in alcuni punti: avanzare proposte relative alla tutela e al rispetto dei diritti umani e civili; curare il “Giardino dei Giusti” ospitato nel Liceo Capialbi (dove sono già stati piantati tre alberi dedicati ad altrettanti “Giusti”) e organizzare le celebrazioni collegate alla “Giornata Europea dei Giusti” che si svolge ogni anno il 6 marzo; istituire una Giornata scolastica della Pace; fare una ricerca di taglio scientifico su una tematica scelta; questa ricerca sarà curata da gruppi di lavoro costituiti da studenti che, sotto la guida dell’insegnante proponente, affronteranno ciascuno un aspetto della tematica, i lavori svolti confluiranno in un volume che verrà dato alle stampe e presentato a fine anno in occasione della istituenda “Giornata della Pace”. «”Più gli uomini sono incapaci di difendere i propri diritti, maggiore è il nostro dovere di farlo al posto loro”. Queste parole di Tom Regen, racchiudono l’essenza del progetto. Gli studenti coinvolti hanno mostrato – spiega la componente del comitato Federica Asturi -, fin da subito, la necessaria dose di entusiasmo e un forte spirito collaborativo con l’intento precipuo di instillare in tutti i loro coetanei l’esigenza e il desiderio di battersi in nome dei diritti umani oggi, come ieri spesso violati. Per collegarci al tema dei giusti, a cui abbiamo accennato sopra e che ci è particolarmente caro anche per la sua valenza didattica, vogliamo ricordare alcuni personaggi che ieri, come oggi e, speriamo, anche domani trovandosi ad un bivio tra la via del bene e quella del male hanno scelto senza tentennamenti e senza paura la prima, anche a rischio della loro vita. I primi a cui abbiamo pensato – prosegue – sono Giovanni Falcone e Paolo Borsellino che con le armi della loro intelligenza e senza poteri speciali hanno sfidato il mostro più terribile che affliggeva e affligge l’Italia: la mafia; alla fine non ce la hanno fatta e sono stati uccisi, ma mai nessuno ha dimenticato la loro missione. Altro “giusto” è il giornalista e attivista siciliano ucciso tra l’8 e il 9 maggio 1978, Peppino Impastato, che tutti ricordano per la sua audacia; sono passati 42 anni dalla sua morte ma vivono ancora nel cuore e nella mente di tutti gli amanti della giustizia e del bene le sue parole: “Io voglio scrivere che la mafia è una montagna di merda. Noi ci dobbiamo ribellare prima che sia troppo tardi, prima di abituarci alle loro facce, prima di non accorgerci più di niente”. Dalla mafia alle guerre il passo è breve e per questo il pensiero corre a Gino Bartali, un campione di ciclismo di cui molti ricordano le vittorie sportive, ma famoso anche per aver contribuito a salvare a Firenze molti ebrei perseguitati tra 1943 e il 1944. A proposito di ebrei ricordiamo anche Primo Levi le cui parole sono molto importanti “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre.” Questo è il nostro auspicio – conclude Asturi – che docenti e studenti imparino a conoscere e riconoscere le violazioni dei diritti umani del passato ed anche e, soprattutto, del presente perché, per dirla una frase antica, ma sempre valida “la storia non abbia a ripetersi” e si gettino le basi per un mondo ispirato alla pace e all’amore».

LEGGI ANCHE: I lavori e le opere del famoso studioso Vito Capialbi al centro di un convegno

Vibo, gli studenti scendono in piazza contro lo smembramento del Liceo “Capialbi”

Contro il carovita il liceo Capialbi di Vibo concede libri in comodato d’uso gratuito – Video

Articoli correlati

top