lunedì,Giugno 17 2024

Scuola e legalità, il prefetto di Vibo incontra i ragazzi dell’Istituto superiore Itg-Iti

I ragazzi hanno realizzato un filmato nell’ambito del progetto nazionale dedicato al fenomeno degli atti intimidatori ai danni di amministratori locali

Scuola e legalità, il prefetto di Vibo incontra i ragazzi dell’Istituto superiore Itg-Iti

Il prefetto di Vibo Valentia, Paolo Giovanni Grieco, ha ricevuto in Prefettura il dirigente scolastico Maria Gramendola, i docenti Daniele Barbieri e Antonella Contartese e gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Itg – Iti di Vibo Valentia per il loro impegno nel progetto nazionale promosso dal Ministero dell’Interno teso alla sensibilizzazione dei ragazzi delle scuole superiori verso il fenomeno degli atti intimidatori nei confronti degli amministratori locali. Il progetto è stato mirato a promuovere la cultura della legalità nelle scuole, con un focus sugli atti intimidatori contro gli amministratori locali sul cui disvalore si è mirato a sensibilizzare le giovani generazioni, poiché rappresentano fenomeni gravemente distorsivi della libera volontà degli organi elettivi e, quindi, un grave pregiudizio per gli istituti di partecipazione democratica alla vita delle comunità locali.

Gli studenti dell’Itg-Iti– selezionato assieme ad altri tre Istituti in Calabria e l’unico in provincia di Vibo Valentia – hanno svolto diverse giornate formative sul tema, durante le quali si è puntato a stimolare i ragazzi sul concetto di cittadinanza attiva e sulla comprensione delle scelte di pubblico interesse attraverso l’esperienza narrata da amministratori locali e vertici delle forze dell’ordine. Gli studenti vibonesi hanno poi realizzato un filmato impersonando le vicende di un sindaco minacciato da alcuni esponenti criminali affinché il primo cittadino prestasse la funzione pubblica ad illecite richieste per conseguire vantaggi personali a scapito dell’interesse collettivo. Il primo cittadino, tuttavia, non si piega alle minacce e trova il sostegno della propria comunità, la quale così manifesta la propria piena e attiva partecipazione alla vita dell’ente locale, difendendo concretamente i propri rappresentanti scelti con il libero voto. Al termine dell’incontro, il prefetto ha elogiato gli studenti per la sensibilità dimostrata nell’affrontare questo fenomeno, consegnando al dirigente scolastico Maria Gramendola una targa di ringraziamento a nome dei ministri dell’Interno, Matteo Piantedosi, e dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, per l’attenzione, l’impegno e l’entusiasmo profuso nella realizzazione del progetto.

LEGGI ANCHE: “Un giorno in Senato”, gli studenti del liceo “Galuppi” di Tropea premiati a Roma

Serra San Bruno, due studentesse dell’Istituto Einaudi sul podio delle competizioni regionali

Vibo, il “De Filippis-Prestia” si afferma al concorso “Un fumetto per la solidarietà”

Articoli correlati

top