Vibonese calcio, il sito “chiuso per lutto”

Dopo la clamorosa decisione del Collegio di Garanzia del Coni che ha rispedito in Serie D il club rossoblu, la scritta: “E’ morto il calcio onesto e pulito”

Dopo la clamorosa decisione del Collegio di Garanzia del Coni che ha rispedito in Serie D il club rossoblu, la scritta: “E’ morto il calcio onesto e pulito”

Informazione pubblicitaria
L'immagine del sito
Informazione pubblicitaria

 

Informazione pubblicitaria

Sfondo in bianco e nero, senza colori. Al centro solo una frase.“Chiuso per lutto. E’ morto il calcio onesto e pulito!”. Ecco il sito della Vibonese 48ore dopo la decisione del Collegio di Garanzia del Coni che ha rispedito di fatto, il club rossoblu tra i dilettanti. Poche parole per esprimere tutta l’amarezza accumulata in un’estate clamorosa che ha scritto, probabilmente, una delle pagine più buie della storia dello sport. Poche parole per non rischiare di dire altro, presi dalla rabbia e dalle emozioni.

 

Quelle che, in chiave positiva, in teoria dovrebbe regalare proprio quel calcio onesto che per la Vibonese non esiste più. Un messaggio forte, deciso che non lascia spazio ad interpretazioni. In attesa di capire i prossimi passi dei massimi dirigenti rossoblu che già ai nostri microfoni si sono detti pronti ad andare finanche la corte europea pur di veder rispettate le proprie ragioni. Intanto la squadra continua ad allenarsi aspettando comunicazioni ufficiali. In attesa del Tribunale federale Nazionale, la Vibonese probabilmente verrà chiamata a giocare in Serie D. La domanda è: ne vale ancora la pena?

 

Leggi anche:

Vibonese Calcio: ecco il perché della decisione e la norma violata

Vibonese: la Procura generale del Coni si schiera con la squadra di calcio

Caso Vibonese, anche il Messina presenta ricorso al Coni