domenica,Febbraio 25 2024

Per pulire il torrente bisogna demolire la strada che conduce alle loro case: in Via Parodi scatta la protesta – Video

I residenti del complesso “Girasole” di Vibo Marina hanno bloccato le ruspe. Sul posto anche l’assessore ai lavori pubblici Carmen Corrado

Per pulire il torrente bisogna demolire la strada che conduce alle loro case: in Via Parodi scatta la protesta – Video

I lavori di ripristino dell’ officiosità idraulica del fosso Cutura – La Badessa programmati dall’Amministrazione comunale di Vibo Valentia rischiavano di ostruire l’unica via d’accesso al complesso residenziale “Girasole”di Vibo Marina: «Ho visto le ruspe e mi sono precipitato in strada – commenta un inquilino -, ho chiesto agli operai il motivo della loro presenza e mi è stato risposto che avrebbero dovuto rompere la strada. Ho quindi allertato gli altri inquilini per fermare i lavori». L’unica strada d’accesso allo stabile stava per essere chiusa se non fosse stato per la vibrata protesta dei residenti: «Come è possibile che il Comune abbia fatto approvare un progetto di messa in sicurezza del torrente senza considerare la strada d’accesso a un edificio?», si sono chiesti i residenti dello stabile situato nella terza traversa di via Senatore Parodi. 11 famiglie in tutto che rischiavano l’isolamento. Sul posto il consigliere comunale Lorenzo Lombardo e gli agenti della polizia municipale allertati dagli stessi cittadini. In mattinata è giunta anche l’assessore ai lavori pubblici Carmen Corrado che dopo essersi confrontata con l’avvocato Fabio Brandi del foro dio Vibo Valentia ha deciso di sospendere i lavori: «Incontrerò tutti i responsabili per trovare una soluzione al problema. Il Comune – ha assicurato –non intende arrecare nessun danno o disagio ai cittadini». Rassicurazioni che hanno tranquillizzato i residenti del quartiere che vigileranno sul corretto svolgimento dei lavori.

LEGGI ANCHE: Vibo, Limardo e Russo: «Avviata la pulizia dei fossi. Interventi anche su grate e tombini»

Vibo, quei fossi che spaventano le frazioni costiere: «Intervenire prima che ci scappi il morto» – Video

Vibo Marina e i fossi della paura, Patania: «Rischiamo un altro 3 luglio 2006» – Video

Articoli correlati

top