lunedì,Aprile 22 2024

Parco urbano di Vibo nel degrado, i residenti: «Quadro drammatico, servono subito interventi»

I cittadini dell’area di Moderata Durant sollecitano ancora una volta il Comune: «Stanchi di dover chiedere interventi. Qualche piccola attività è stata portata avanti ma non basta. Il Parco deve vivere»

Parco urbano di Vibo nel degrado, i residenti: «Quadro drammatico, servono subito interventi»

Bagni presi di mira dai vandali, segnaletica divelta, altalene e giochi circondati dal fango oppure inutilizzabili, casette di legno abbandonate. I residenti del quartire Moderata Durant tornano a segnalare le criticità presenti al Parco urbano, tra le aree verdi della città più frequentate. Un piccolo “gioiello” pubblico bisognoso però di manutenzione e anche di controlli per garantirne agli utenti, specie i più piccoli, la fruibilità in totale sicurezza. A prendere la parola, Gianluca Vasapollo, che sollecita ancora una volta l’intervento del Comune al fine di restituire dignità non solo al Parco ma anche ai quartieri posti all’ingresso di Vibo città: «Qualche piccolo intervento è stato effettuato – spiega – ma non basta. La situazione è davvero drammatica e speriamo che il Comune prenda al più presto provvedimenti. Siamo certi – aggiunge – che le sorti del Parco stanno a cuore all’amministrazione ma adesso, ai buoni propositi, bisogna abbinare fatti concreti. Siamo stanchi di dover sollecitare continui interventi». [Continua in basso]

Gli interventi al Parco urbano

Il Parco urbano è divenuto nel tempo luogo di ritrovo sia per le famiglie che per i ragazzi. Viene frequentato anche per passeggiate e attività sportive. Un’area verde tutt’altro che bistrattata dai residenti che, in più occasioni, hanno evidenziato le problematiche che si verificano all’interno dell’impianto. Su tutte, la carenza di controlli per arginare danneggiamenti che, ancora con frequenza, continuano a verificarsi: «Il nostro timore è che, una volta superate queste criticità, dalla sistemazione dei vialetti alle aiuole e alle strutture, il Parco possa ricadere nell’oblio nel giro di poco tempo. Per questo – aggiunge Vasapollo – è necessaria la gestione da parte di un organismo che si occupi costantemente della manutenzione. Avevamo suggerito di contattare il Parco regionale delle Serre ma altre opzioni sarebbero comunque ben accette. L’importante è tutelare questa zona da un vandalismo in continua crescita». In più i residenti, in vista della stagione primaverile ed estiva, «chiedono la riapertura di un bar o di un punto di ristoro. Il Parco – concludono – deve vivere».

LEGGI ANCHE: Degrado nell’area della farmacia territoriale di Vibo, Confasila: «Si intervenga»

Articoli correlati

top