mercoledì,Aprile 24 2024

Un altro pitone in fuga: avvistato e recuperato nel cortile dell’ospedale di Soriano

Dopo quello albino di Serra San Bruno, un altro serpente ha provocato grande apprensione. Intervenuti i carabinieri forestali che lo hanno portato a Catanzaro

Un altro pitone in fuga: avvistato e recuperato nel cortile dell’ospedale di Soriano
Un pitone reale (foto di repertorio)

A pochi giorni di distanza dall’avvistamento a Serra San Bruno di un pitone albino – che aveva fatto perdere le proprie tracce per un giorno intero prima di essere recuperato e restituito al legittimo proprietario -, un altro grosso serpente ha suscitato momenti di apprensione, questa volta a Soriano Calabro. A dare l’allarme, alcuni dipendenti dell’ospedale che hanno notato il rettile in un cortile del nosocomio sorianese avvisando i vigili del fuoco di Vibo. Subito è stato interpellato il naturalista del Wwf Pino Paolillo, che, in contatto con i cittadini di Soriano, li ha rassicurati sulla docilità della specie: si trattava in questo caso di un pitone reale, di circa un metro e trenta di lunghezza. Paolillo ha fornito indicazioni per il recupero in sicurezza del rettile, al fine di impedirne la fuga e le successive ricerche. Una volta riposto all’interno di una grossa scatola di cartone, tramite il numero verde 1515, è stato chiesto l’intervento dei carabinieri forestali di Vallelonga che, previo accordo con il Centro recupero animali selvatici di Catanzaro, hanno trasportato il pitone nella struttura sita all’interno del Parco della Biodiversità della città capoluogo, affidandone la custodia in attesa che, come per Serra San Bruno, si faccia vivo il proprietario dell’animale esotico.

LEGGI ANCHE: Serra San Bruno: è “caccia” ad un raro pitone albino avvistato in un cortile

Pitone albino avvistato a Serra, il Wwf: «Non è aggressivo, ecco cosa fare in caso di ritrovamento»

Ritrovato il pitone albino avvistato ieri a Serra San Bruno

Articoli correlati

top