martedì,Novembre 30 2021

Petrol Mafie, arrivano nuove richieste di rito abbreviato

Fra loro anche i boss Francesco Mancuso e Filippo Fiarè. In totale salgono a 18 gli imputati che chiedono di essere processati con il rito alternativo

Petrol Mafie, arrivano nuove richieste di rito abbreviato
Francesco Mancuso

Arrivano nuove richieste di rito abbreviato dinanzi al gup distrettuale, Matteo Ferrante, nell’ambito dell’udienza preliminare per l’operazione Petrol Mafie. Alle dieci richieste già avanzate se ne vanno ad aggiungere ulteriori otto. Si tratta di: Francesco Mancuso, 64 anni, di Limbadi, detto “Tabacco”; Filippo Fiarè, 64 anni, di San Gregorio d’Ippona; Giuseppe Barbieri, 48 anni, di Sant’Onofrio; Gerardo Caparrotta, 53 anni, di Sant’Onofrio; Francescantonio Anello, 32 anni, di Filadelfia;  Daniele Prestanicola, 39 anni, di Maierato; Salvatore Giorgio, 47 anni, di Catanzaro; Orazio Romeo, 52 anni, di Catania.
Tali posizioni vanno ad unirsi ad altri dieci imputati che hanno chiesto il rito abbreviato: Pasquale Gallone, 61 anni, di Nicotera; Gerardo Caparrotta, 53 anni, di Sant’Onofrio; Vincenzo Zera Falduto (cl.’88) di Reggio Calabria, Giocchino Falsaperla (cl.’65) di Catania, Marco Lione (cl.’73) di Napoli, Giuseppe Mercadante (cl.’79) di Casal di Principe (Ce), Antonio Ricci (cl.’60) di Montecorvino Pugliano (Sa), Alessandro Primo Tirendi (cl.’82) di Milano; Armando Carvelli (cl.’86) di Crotone, Giovanni Carvelli (cl.’84) di Petilia Policastro.
L’udienza per loro è stata aggiornata al prossimo 13 dicembre. [Continua in basso]

Hanno invece preannunciato il patteggiamento della pena: Alberto Agosta di Catania; Enrico Agosta di Catania; Gennaro Basile di Napoli; Ciro Sodano di San Giorgio a Cremano; Luigi Borriello di Torre del Greco; Raffaele Celotto di Napoli; Francesco Rugeri di Motta Sant’Anastasia; Antonino Signorello di Belpasso.  [Continua in basso]

Filippo Fiarè

In 57 hanno invece scelto il rito ordinario e per loro l’udienza preliminare proseguirà il 20 ottobre.

Associazione mafiosa, estorsione, riciclaggio, reimpiego di denaro di provenienza illecita in attività economiche, intestazione fittizia di beni, evasione delle imposte e delle accise anche mediante emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, corruzione, scambio elettorale politico mafioso, turbativa d’asta i reati, a vario titolo, contestati.
Il gup ha già ammesso le costituzioni di parte civili della Presidenza del Consiglio dei ministri, del Ministero dell’Interno, dell’Agenzia delle dogane, dell’Agenzia delle Entrate, della Regione Calabria, dell’Associazione antiracket e antiusura (avvocato Giovanna Fronte), della Provincia di Vibo Valentia (avvocato Maria Rosa Pisani), dei Comuni di Vibo Valentia (avvocato Maria Antonietta La Monica), Sant’Onofrio (avvocato Maria Antonietta La Monica) e Limbadi (avvocato Giulio Ceravolo), della Cooperporo.

LEGGI ANCHE: Petrol Mafie: chiesti 61 rinvii a giudizio. In 10 optano per l’abbreviato

Provincia di Vibo: presidente imputato, ente parte offesa ma di dimissioni neanche a parlarne

‘Ndrangheta: inchiesta Petrol Mafie, indagato il presidente della Provincia di Vibo Solano

‘Ndrangheta: il presidente della Provincia di Vibo indagato pure per turbata libertà degli incanti

Il presidente della Provincia di Vibo ed i legami “scomodi” con i cugini D’Amico arrestati

“Rinascita Scott 2”: il bitume per la Provincia di Vibo e la politica del consenso

top