lunedì,Giugno 17 2024

Rinascita Scott, Giamborino in aula: «Da cattolico porto questa croce, in Paradiso non si va in carrozza»

L’ex consigliere regionale del Pd, e già assessore alla Provincia di Vibo, si è sottoposto da imputato all’esame della Dda e poi a quello dei suoi difensori. Dalla carriera politica alla ‘ndrangheta, ecco il “botta e risposta” con il pm Antonio De Bernardo

Rinascita Scott, Giamborino in aula: «Da cattolico porto questa croce, in Paradiso non si va in carrozza»
L'aula dove si tiene il maxiprocesso Rinascita Scott e nel riquadro Pietro Giamborino

di Marco Cribari

La mistica “dell’oratorio” contro quella della “cultura perversa”. Dice di provenire dalla prima, Pietro Giamborino. Lo rivendica con forza, rivolgendosi con deferenza tutta meridiana ai giudici e al “chiarissimo pubblico ministero”. Con la mafia giura di non aver mai avuto a che fare, eppure è per questo che si ritrova sotto processo. E oggi in aula ha avuto la chance di spiegare le proprie ragioni. “Aspettavo questo momento da tre anni”, ha affermato. [Continua in basso]

Pietro Giamborino

Sulla scena del maxiprocesso Rinascita-Scott era in programma il suo esame da imputato, appuntamento che l’ex consigliere regionale di Margherita e Pd ha affrontato sfoderando il migliore dei suoi eloqui, quello che in trent’anni lo ha portato dalla piazza della minuscola Piscopio, teatro dei primi comizi, ai banchi della politica che conta. Il problema è che oggi la Dda di Catanzaro ritiene parte dei suoi successi elettorali drogati dall’appoggio della “cultura perversa”, ovvero della ‘ndrangheta. “L’ho detto davanti al prefetto De Sena: chi va a chiedere voti a mio nome a rappresentanti della cultura deviata, non sarà ricordato nelle mie preghiere”. Quel giorno a Piscopio pensarono che “Pietro loro” volesse farsi sacerdote. “Mo’ fa pure scomuniche e anatemi”.

Il pm Antonio De Bernardo lo ha messo a proprio agio, facendogli snocciolare le tappe della sua carriera politica: dall’elezione nel Consiglio comunale di Vibo Valentia (1994) al doppio strike in Consiglio regionale (trionfale nel 2005, da subentrato nel 2010) passando per gli anni in Provincia, da consigliere e assessore. Un accenno all’amicizia con Francesco Rutelli, a quella “con il compianto Franco Fortugno” e poi, il rappresentante dell’accusa è andato dritto al punto.

Pino Galati

Il pm gli ha chiesto conto dei suoi rapporti con Pino Galati, “il ragioniere”, uomo d’ambiente di Piscopio e suo cugino diretto. “Ci passiamo dieci anni, non ci siamo cresciuti insieme” è l’incipit della sua risposta; “era un giocatore di carte, dorme di giorno e veglia di notte” il motivo per cui non lo frequentava. E poi “non lo ritenevo utile in termini elettorali”, la spiegazione per cui sostiene di non avergli mai chiesto un voto. Presa di distanza sì, ma senza abiure. Ci sono gli incontri sotto la finestra del suo ufficio descritti in alcune captazioni che meritano una risposta. Eccola: “Mi dispiaceva – ha affermato Pietro Giamborino – passava sempre da lì e io gli chiedevo di entrare, ma lui diceva no, no che così ti danneggio”.

Un’altra intercettazione lo vede a colloquio con suo nipote tessere l’elogio della “Società d’onore“, quella che mai avrebbe ammesso tra le proprie fila “uno con le sorelle puttane e sventurate”. Giamborino li inquadra come “fatti di paese di 75 anni prima”, ma De Bernardo insiste: vuole sapere cos’è la Società d’onore. Si parla della vecchia ‘ndrangheta, che in quella conversazione Pietro Giamborino mette a confronto con la nuova. Ma dico anche che sono sbagliate tutte e due, leggiamola tutta l’intercettazione”, ha affermato l’ex conigliere regionale.

Andrea Mantella

I pentiti che puntano il dito contro di lui non sa come definirli. “Collaboratori di giustizia” lo stuzzica il pm, ma la risposta di Pietro Giamborino è in punta di fioretto: Non ne sono innamorato, ma per rispetto alla signoria vostra…”. In seguito li chiamerà “prezzolati dello Stato” e riguardo ai suoi accusatori – Andrea Mantella, Raffaele Moscato, Bartolomeo Arena – prova a picconare quelle che definisce “le loro bugie”. Il pm lo circonda: “Ok, ma perché dovrebbero mentire?”. È qui che entra in gioco la figura del cugino “buono”, il magistrato Pietro D’Amico, anche lui piscopisano di nascita, deceduto con un suicidio assistito nel 2013. “Ero suo consulente culturale, stavamo sempre insieme. Questo mi ha attirato di certo le antipatie dei criminali. Mi vedevano come sbirro e carabiniere. E poi forse non è andato giù che uno di Piscopio non si piegasse a loro”.

Pantaleone Mancuso

Si procede a ritmo serrato. L’accusa gli chiede conto di quel controllo di polizia a Pizzo, nel 1990, quando Pietro Giamborino viene trovato in macchina in compagnia di Pantaleone Mancuso, alias “Vetrinetta”. Giamborino lo definisce “un incontro casuale, mai conosciuto un Mancuso in vita mia”. E anche il presunto interessamento in favore del cugino Galati, per consentirgli di aprire un bar, deriva per lui da un’intercettazione non equivoca, ma equivocata. “In realtà peroravo la causa di una dottoressa che in modo legittimo aspirava a un aumento del monte ore. Fece ricorso in autotutela”.

Insomma, la ‘ndrangheta Pietro Giamborino ha affermato di non averla mai favorita, semmai “osteggiata”. Accetta per sé la definizione di “uomo d’onore” ma non nel senso distorto e ormai comune: “Sono un uomo d’onore perché ho sempre servito le istituzioni senza mai piegarmi al malaffare”. E nella fine sta anche il suo principio: il richiamo al cattolicesimo e al processo che lo riguarda. Mai avrei pensato di trovarmi in questa situazione, ma porto questa croce. I cattolici non si spaventano, in paradiso non si va in carrozza”.

Pietro D’Amico

Durante il controesame, i suoi difensori Enzo Belvedere e Domenico Anania hanno toccato agilmente alcuni punti sensibili: la figura di Pietro D’Amico e poi quella del padre dell’imputato, minatore morto nel 1969 mentre lavorava alla costruzione di una galleria. Un accenno anche a quanto denunciato da Pietro Giamborino nel 2014, dopo la sua sconfitta alle Primarie indette dal Pd per la scelta del candidato a sindaco di Vibo. Convocato dal Comitato per l’ordine pubblica e la sicurezza, Giamborino parlò in quel caso di competizione condizionata dalla criminalità. Belvedere ha poi ripreso l’ormai celebre intercettazione fra Pietro Giamborino e il nipote, leggendo in aula la chiosa di quel dialogo risalente al 2018: Filippo – dice il politico al suo congiunto – aveva ragione Falcone. Tutto questo finirà, anche se loro non l’hanno compreso”.

LEGGI ANCHE: Rinascita Scott, il capitano del Ros ed i riscontri alle accuse mosse a Pietro Giamborino

Rinascita Scott: per la Cassazione è da rivedere l’efficacia di tutti gli atti riguardanti Luigi Mancuso

Rinascita Scott: gli omicidi Cracolici e Furlano nella deposizione di Valerio Palmieri

Articoli correlati

top