giovedì,Aprile 18 2024

Iervolino (Radicali italiani) al carcere di Vibo: «Situazione preoccupante, struttura da rivedere»

Tappa al penitenziario cittadino: «Mancano 80 agenti di polizia penitenziaria, non sono presenti abbastanza medici e infermieri e permane il problema dei detenuti psichiatrici, difficili da gestire»

Iervolino (Radicali italiani) al carcere di Vibo: «Situazione preoccupante, struttura da rivedere»
Il segretario di Radicali italiani, Massimiliano Iervolino

Il segretario di Radicali italiani, Massimiliano Iervolino, accompagnato dal sindaco di Ionadi, Fabio Signoretta, e da Giampiero Calafati, presidente del Consiglio comunale di Ionadi, ha visitato questa mattina il carcere di Vibo Valentia. «La situazione che abbiamo riscontrato- afferma Massimiliano Iervolino -è preoccupante. Rispetto alla pianta organica, mancano 80 agenti di polizia penitenziaria; non sono presenti medici e infermieri in numero sufficiente; permane il problema dei detenuti psichiatrici, difficili da gestire. È necessario rivedere la struttura, poiché ci sono evidenti problemi di muffa e acqua. Continueremo a ispezionare le carceri italiane, perché è sempre più drammaticamente evidente che la finalità rieducativa del carcere è vicina al fallimento. I problemi rimangono sempre gli stessi: sovraffollamento, mancanza di personale, strutture fatiscenti e poche risorse».

LEGGI ANCHE: Carcere Vibo, concluso il concorso Asp per l’assegnazione di 5 posti per dirigente medico

Vibo: infermiere aggredito da un detenuto, sanitari a rischio pure in carcere

Carcere di Vibo, detenuto aggredisce un agente, il Sappe: «Non tollerabile tanta violenza»

Articoli correlati

top