giovedì,Luglio 25 2024

Antimafia: Commissione di accesso al Comune di Nicotera e il sindaco si dimette

A nominarla il prefetto di Vibo Valentia al fine di accertare eventuali condizionamenti sulla vita dell’ente locale

Antimafia: Commissione di accesso al Comune di Nicotera e il sindaco si dimette
Il Municipio di Nicotera e nel riquadro il sindaco Giuseppe Marasco
La Prefettura di Vibo e nel riquadro il prefetto Giovanni Paolo Grieco

Il prefetto di Vibo Valentia, Giovanni Paolo Grieco, ha nominato la Commissione di accesso aglio atti al Comune di Nicotera per accertare eventuali infiltrazioni mafiose nella vita dell’ente o rapporti di contiguità degli amministratori locali e dell’apparato burocratico con personaggi in odore di ‘ndrangheta. Il sindaco Giuseppe Marasco, appresa la notizia, ha rassegnato le dimissioni irrevocabili dall’incarico di primo cittadino. Ricordiamo che il Consiglio comunale di Nicotera è stato già sciolto tre volte per infiltrazioni mafiose del clan Mancuso (amministrazioni Adilardi nel 2005, Reggio nel 2010 e Pagano nel 2016). Il sindaco di Nicotera, Giuseppe Marasco (eletto nel 2019 con il 44% dei voti su Antonio Macrì fermo al 15% e Antonio D’Agostino che si è fermato al 40%) con una lista civica di centrodestra vicina a Forza Italia sul proprio profilo Facebook esprime “grande amarezza e dispiacere per tutta la comunità”, identificando – non si sa come e perché – “l’intera comunità” di Nicotera con la sua amministrazione comunale. La Commissione di accesso agli atti – presieduta dal viceprefetto Roberto Micucci – avrà tre mesi di tempo (salvo proroga di altri tre mesi) per esaminare atti, documenti e vagliare collegamenti – diretti e indiretti – degli amministratori con ambienti controindicati. Da ricordare che l’attuale sindaco Giuseppe Marasco (oggi dimissionario) è stato componente dell’amministrazione guidata dall’allora primo cittadino Franco Pagano (poi sciolta per infiltrazioni mafiose nel 2016) ricoprendo la carica di assessore comunale, percui – anche alla luce di altri avvenimenti (da ultimo il videoclip della cantante Merante che brinda con il sindaco dopo aver cantato una canzone in cui augura Buon Anno ai carcerati “nelle galere segregati) – l’invio della Commissione di accesso agli atti era prevedibile. Giuseppe Marasco si era dimesso dalla carica di assessore al Bilancio ed all’Ambiente nel gennaio del 2015. Le dimissioni odierne di Giuseppe Marasco comporteranno l’invio da parte della Prefettura di Vibo (se non verranno ritirate entro venti giorni) di un commissario prefettizio per reggere le sorti del Comune dove, intanto, la Commissione di accesso agli atti proseguirà nei suoi lavori ispettivi al fine di accertare eventuali infiltrazioni mafiose.

LEGGI ANCHE: Il sindaco di Nicotera, la cantante Merante e il saluto ai carcerati

Saluto ai carcerati nel videoclip della Merante, il sindaco di Nicotera ammette la “brutta figura” – Video

Nicotera: le “stoccate” della Merante al sindaco, il “plagio” e il risveglio dei media nazionali

‘Ndrangheta: scioglimento del Comune di Nicotera, i profili shock dei politici

“I Gattopardi di Tropea”: L’Espresso riaccende i riflettori sul Comune e sul mancato intervento della Prefettura

Infiltrazioni mafiose nel Vibonese: l’irresponsabilità politica di un centrodestra che non ne indovina una

Comune di Tropea e infiltrazioni mafiose: Morra chiede al prefetto di Vibo l’accesso agli atti

Comune di Limbadi e infiltrazioni mafiose: incandidabili quattro ex amministratori

Politica e clan Mancuso: il segretario del Pd di Limbadi citato nella sentenza di incandidabilità

Rinascita-Scott, Emanuele Mancuso: «L’ex sindaco di Nicotera a disposizione della cosca»

Comune di Mongiana e infiltrazioni mafiose: l’ex assessore Foti incandidabile in via definitiva

Infiltrazioni mafiose a Nicotera, incandidabili ex sindaco e vice

Comune di Ricadi: ex sindaco incandidabile in via definitiva

top