Zambrone, nel giorno della festa patronale inaugurato il parco giochi

Nella frazione San Giovanni un spazio attrezzato su misura di bambini e ragazzi realizzato in un’area abbandonata. Dodici i giochi presenti “controllati” da un impianto di videosorveglianza

Nella frazione San Giovanni un spazio attrezzato su misura di bambini e ragazzi realizzato in un’area abbandonata. Dodici i giochi presenti “controllati” da un impianto di videosorveglianza

Informazione pubblicitaria
Il nuovo parco giochi di Zambrone

Inaugurato un nuovo parco giochi a Zambrone. La realizzazione è stata definita nella frazione San Giovanni. Sono dodici i giochi presenti. Uno spazio attrezzato su misura dei ragazzi e dei bambini. Un tempo, nel sito esisteva parte del vecchio nucleo abitato. Esso venne abbattuto circa quindici anni fa e creata un’area di verde attrezzato; poi abbandonata. L’amministrazione in carica ha pensato di recuperarla con un’opera messa al servizio delle nuove leve. L’inaugurazione, nel giorno della festa patronale, al termine della messa solenne. 

La benedizione eseguita dal parroco don Pasquale Sposaro. Il complesso bandistico “Città di Zambrone” ha intonato l’inno nazionale. A seguire l’intervento del sindaco Corrado Antonio L’Andolina, il quale ha ripercorso tutte le vicende collegate all’opera e ne ha esaltato l’intrinseco valore sociale, culturale e politico ed ha dichiarato: «Particolarmente significativa la circostanza per cui la prima opera dell’amministrazione in carica si rivolga alle future generazioni. E ciò a testimonianza del fatto che si crede nelle potenzialità e nelle risorse, prima di tutto umane, della comunità». 

Il primo cittadino ha poi preannunciato la volontà di dedicare quest’opera al mito di Peter Pan: «Perché le nuove generazioni imparino a fare un buon uso della curiosità e perché preservino tutte le belle peculiarità che hanno nel loro cuore sin dalla tenera età». 

Il parco è dotato di giochi moderni e di buona fattura. Ha un impianto di videosorveglianza funzionante 24 ore su 24. Il sistema elettrico è stato adeguato a norma di legge. Nella conclusione il sindaco ha citato il poeta francese Paul-Jean Toulet: «I fanciulli sono continuamente ebbri: ebbri di vivere» ed ha quindi chiosato: «Prendiamo esempio da loro». Il taglio del nastro eseguito simultaneamente da tutti gli amministratori presenti.

LEGGI ANCHE:

Coppia gallese sceglie Zambrone per pronunciare il fatidico “Sì”