martedì,Maggio 28 2024

Zes, il commissario Giosy Romano a Vibo: «La rivoluzione è partita» – Video

Nella sede di Confindustria si è parlato delle opportunità delle zone economiche speciali che prevedono una semplificazione burocratica

Zes, il commissario Giosy Romano a Vibo: «La rivoluzione è partita» – Video
L'incontro nella sede di Confindustria Vibo sulle Zes

Il commissario della Zes Giosy Romano a Vibo Valentia per spiegare le opportunità delle zone economiche speciali. La riforma amministrativa è stata al centro di un dibattito che si è svolto nella sede di Confindustria. A fare gli onori di casa il presidente degli industriali di Vibo Rocco Colacchio. Presenti tra gli altri il presidente di Unindustria Calabria Aldo Ferrara e l’assessore regionale allo sviluppo economico Rosario Varì: «Stiamo promuovendo una serie di incontri sul territorio – ha detto Varì – per far conoscere agli imprenditori le opportunità che le zone economiche speciali offrono. Non solo i vantaggi sulla fiscalità, ma anche la semplificazione amministrativa, strumento molto importante – ha sottolineato l’assessore – per tutte quelle aziende che intendono insediarsi sul territorio calabrese». [Continua in basso]


«Le zone economiche speciali- ha spiegato dal canto suo Giosy Romano – perseguono due obiettivi: da un lato il vantaggio per le aziende già esistenti che possono richiedere agevolazioni per realizzare nuovi investimenti. Dall’altro, quello di incentivare nuovi investimenti grazie alla semplificazione burocratica che la normativa per le zone economiche speciali prevede». L’area industriale di Porto Salvo, dove già insistono diverse aziende, diventerà ancora più attrattiva per le imprese. E così se un imprenditore del Nord dovesse decidere di delocalizzare la sua impresa in una delle 14 zone economiche speciali individuate in Calabria, potrà farlo con un semplice clic. Ovvero attraverso lo sportello digitale attivo dal 16 settembre scorso: «Basta inviare l’istanza con l’idea progettuale che si intende realizzare – ha spiegato il commissario della Zes – per generare un unico provvedimento. Dunque un’unica autorizzazione che sostituisce tutti i nulla osta, pareri e autorizzazioni propedeutiche all’avvio dell’attività. Siamo difronte – ha concluso- a una rivoluzione epocale. Lo sportello digitale permette infatti di avere unico interlocutore al quale avanzare un’unica domanda che genera un unico provvedimento e facilita in termini di investimento la realizzazione dell’attività imprenditoriale». 

Articoli correlati

top