giovedì,Aprile 18 2024

Tropea, in concerto all’auditorium Santa Chiara il duo Alogna-Tampalini

L’iniziativa musicale, parte del programma Calabria Straordinaria 2023, è organizzata congiuntamente da Ama Calabria e l’associazione Tropea Musica con il sostegno del Ministero della Cultura

Tropea, in concerto all’auditorium Santa Chiara il duo Alogna-Tampalini
Il violinista Davide Alogna e il chitarrista Giulio Tampalini

Giovedì 21 settembre 2023 alle ore 21,30 avrà luogo presso l’Auditorium Santa Chiara di Tropea un grande evento musicale con protagonisti due star del concertismo internazionale: il violinista Davide Alogna e il chitarrista Giulio Tampalini. L’importante iniziativa musicale, parte del programma Calabria Straordinaria 2023 è organizzata congiuntamente da Ama Calabria e l’associazione Tropea Musica con il sostegno del Ministero della Cultura direzione generale spettacolo e dell’assessorato regionale al turismo. Il programma che il duo eseguirà a Tropea comprende opere di Niccolò Paganini, Manuel de Falla, Isaac Albeniz, Franco Margola e Astor Piazzolla.

Davide Alogna ha una formazione eclettica ed internazionale. Nasce a Palermo e si diploma con il massimo dei voti sia in violino che in pianoforte presso i Conservatori di Como, Ferrara e il Conservatorio Superiore di Parigi. Ha studiato composizione con Luca Francesconi e si è perfezionato all’Accademia Chigiana di Siena con Giuliano Carmignola, che lo ha definito “un grandissimo talento” premiandolo con un “diploma d’onore”. Vanta importanti debutti solistici tra i quali al Teatro alla Scala di Milano, la Philarmonie di Berlino, la Sala Stern della Carnegie Hall di New York, la Suntory Hall di Tokyo, il Gasteig e la Herkulesshalle di Monaco, la Salle Cortot di Parigi, il Grand Theatre di Shanghai. Ha suonato da solista con importanti orchestre internazionali ed esibito da solista e camerista con musicisti come Natalia Gutman, Elisso Virsaladze, Bruno Canino, Enrico Pace, Jeffrey Swann, Roberto Prosseda, Roberto Plano, Simonide Braconi, Eliau Inbal, Pietro Borgonovo, Francesco Lanzillotta, Lior Shambadal, Andrea Bacchetti, Costantino Catena, Giuseppe Gullotta, Giulio Tampalini. Scelto più volte come artista copertina dalle riviste specialistiche Suonare News e Amadeus, ha inciso per Warner Classics, Brillant Classic e Naxos. È titolare di cattedra di violino al Conservatorio “L. Marenzio” di Brescia. Suona un Giovanni Battista Guadagnini (Piacenza 1744), ed un Anselmo Gotti (Ferrara, 1930).

Giulio Tampalini nel 2014 ha ricevuto a Milano il Premio delle Arti e della Cultura. È considerato dalla critica uno degli interpreti più innovativi e carismatici del panorama musicale. Dopo il diploma con dieci e lode al Conservatorio di Cuneo, ha vinto i maggiori premi internazionali di chitarra, il Concorso “Yepes” di Sanremo, il “Sor” di Roma, due volte il Torneo Internazionale di Musica di Roma, il “De Bonis” di Cosenza. Ha vinto due Chitarre d’oro per il miglior disco: nel 2003 con il Tárrega: Opere complete per chitarra e nel 2018 per l’album Castelnuovo-Tedesco: Complete Works for Soprano and Guitar. Si esibisce regolarmente in Europa, Asia e Stati Uniti come solista e con orchestra. Imponente la produzione discografica che comprende tra l’altro l’opera completa per chitarra sola di Castelnuovo-Tedesco, il Concierto de Aranjuez di Rodrigo e quattro integrali: Tárrega, Llobet, Matiegka e Villa- Lobos. Con Giovanni Podera è curatore della collana “I Maestri della Chitarra” (Edizioni Curci). È docente di chitarra presso la Fondazione Accademia Internazionale di Imola “Incontri con il Maestro” e presso il Conservatorio di Adria, direttore dell’Accademia Internazionale della Chitarra di Brescia, tiene seguitissime masterclass in Italia, Europa e Asia e America. È artista D’Addario e suona chitarre del liutaio Philip Woodfield. La rivista Amadeus gli ha dedicato la copertina nel mese di settembre 2022 con un cd in esclusiva dedicato al compositore messicano Manuel Maria Ponce.

LEGGI ANCHE: Sesta giornata nazionale dei piccoli musei, ottimi risultati per Ricadi e Parghelia

I dipinti dell’artista Domenica Vecchio celebrano la città di Nicotera

Applausi per gli spettacoli teatrali dell’associazione Don Mazza nel Vibonese

Articoli correlati

top