lunedì,Settembre 26 2022

Scuole a Vibo, Mercadante al sindaco Limardo: «Soliti selfie per nascondere i problemi»

Per la vice segretaria provinciale di Azione, il primo cittadino ha avuto un atteggiamento «poco rispettoso» nei confronti dei dirigenti scolastici, dei professori, dei genitori e degli alunni

Scuole a Vibo, Mercadante al sindaco Limardo: «Soliti selfie per nascondere i problemi»
A sinistra Samantha Mercadante, a destra Maria Limardo

«Il sindaco, come al solito, tende a strumentalizzare ogni cosa, anche quando gli argomenti sono seri come la scuola, che rappresenta la più importante istituzione educativa. Ed infatti, in occasione del primo giorno di scuola, con il consueto selfie, abbiamo visto il sindaco affermare che va tutto bene e che nessun problema particolare è presente nelle scuole medie di Vibo Valentia. Questo atteggiamento appare, in realtà, poco rispettoso dei dirigenti, dei professori e dei genitori degli alunni nonché degli alunni stessi e serve solo per nascondere la solita polvere sotto il tappeto». E’ quanto afferma la vice segretaria provinciale di Azione, Samantha Mercadante.
«Come non rilevare infatti che la scuola Murmura con il trasferimento sulla Statale 18 presso Palazzo Gemini ha pagato un prezzo altissimo – afferma Mercadante – in termini di iscritti e si trova in una zona non idonea ad ospitare le classi, zona altamente pericolosa e precaria. C’è poi la scuola Garibaldi, che oggi appare come un cantiere con gli operai al lavoro da diversi mesi; e poi c’è la scuola Don Bosco, che inizierà le lezioni presso l’ex Caserma Garibaldi, ai piani superiori e inferiori dove le aule sono già state allestite e dove i disagi e le problematiche sono state evidenziate da una dirigente che rappresenta un punto di riferimento per tutta la città per la sua storia e per quanto ha dato all’istituzione scolastica. Peraltro non vi è traccia della ditta che dovrà iniziare i lavori alla Don Bosco né esiste un cronoprogramma in ordine all’inizio del lavori.
Ed allora, un sindaco attento e soprattutto rappresentativo di una comunità – continua la Mercadante – deve tenere in considerazione le posizioni di altre figure rappresentative come i dirigenti scolastici ed a nulla vale l’atteggiamento volto a screditare alcune posizioni, come quelle di alcuni dirigenti stessi, che non sono politiche ma solo a favore del proprio presidio scolastico e comunque espresse a favore dei propri alunni. Come partito di Azione stiamo predisponendo un’interrogazione affinché il caso delle scuole medie e della scuola Don Bosco, in particolare, possa essere portato in aula consiliare con urgenza e sul punto cercheremo un confronto costruttivo, come sempre nell’interesse della nostra città».

LEGGI ANCHE: Asili nidi: nel Vibonese i Comuni italiani che spendono di meno

Scuola Murmura a palazzo Gemini, genitore denuncia irregolarità alla Procura di Vibo


Articoli correlati

top