lunedì,Settembre 25 2023

A Ostetricia e Ginecologia di Vibo manca personale: un solo medico si fa avanti e accetta l’incarico

Per assumere nuovi sanitari specializzati l’Azienda sanitaria provinciale ha utilizzato la graduatoria dell’Asp di Catanzaro. Permane «grave» la carenza di organico determinatasi nell’Unità operativa

A Ostetricia e Ginecologia di Vibo manca personale: un solo medico si fa avanti e accetta l’incarico

Probabile che siano state una breve illusione le ultime vicende positive che hanno interessato le Unità di cardiologia e ortopedia, sembrava l’inizio di una timida inversione di tendenza, ma poi… Poi i fatti recenti hanno nuovamente dimostrato che la sanità pubblica vibonese non riesce ancora ad essere un luogo appetibile per fare arrivare fino in questa provincia medici specializzati in cerca di occupazione. E se da un lato i posti di lavoro ci sono, dall’altro non mancano rinunce e mancate domande. Seguiteci. Se, dunque, nel reparto di cardiologia dell’ospedale civile “Jazzolino” di Vibo Valentia si assume (due nuovi medici andranno a dare man forte agli attuali sanitari in servizio) e ad ortopedia hanno fatto domanda di partecipazione al bando pubblico, per la copertura di sei posti, a tempo indeterminato, sette candidati e tutti sono stati ammessi a sostenere le prove finali, nell’Unità ostetricia e ginecologia del medesimo nosocomio, invece, le cose non vanno così bene.  

E su due posti disponibili all’interno dell’Unità operativa in questione ad avere fatto richiesta di accettazione dell’incarico è stato un solo medico specializzato in ostetricia e ginecologia. E, peraltro, potrà essere assunto (per via di alcuni passaggi burocratici e sperando che non cambi idea) soltanto il prossimo 16 dicembre da parte dell’Azienda sanitaria provinciale. Si chiama Annalisa Scopelliti e sarà assunta a tempo pieno e indeterminato. La carenza di organico, dunque, ad ostetricia e ginecologia rimane. [Continua in basso]

Per assumere utilizzata la graduatoria dell’Asp di Catanzaro

Ma come si è arrivati a questo nuovo e – purtroppo – solo incarico? Presto detto: stante la «grave carenza di personale medico determinatasi presso l’Unità operativa di ostetricia e ginecologia dell’ospedale civile “Jazzolino” del capoluogo», evidenziata peraltro dal direttore della predetta Struttura, l’Azienda sanitaria ha ritenuto opportuno – al fine di velocizzare la procedura di reclutamento dell’organico – utilizzare l’unica graduatoria disponibile in ambito regionale, relativamente al profilo richiesto, approvata dall’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro (delibera numero 605 del 30 maggio 2022).  «Nella suddetta graduatoria – scrive il direttore ad interim dell’Unità di gestione e sviluppo delle risorse umane e formazione Sabrina Cagliati al commissario straordinario Giuseppe Giuliano – la dottoressa Annalisa Scopelliti è l’unica candidata idonea, compresa nell’elenco dei medici in formazione specialistica, ad aver comunicato la propria accettazione, con decorrenza 16 settembre 2022, all’assunzione presso questa Azienda sanitaria a tempo pieno e indeterminato, informando contestualmente di aver nel frattempo conseguito la specializzazione nella suddetta disciplina». Alla luce, quindi,  di quanto esposto, il direttore ad interim ha invitato il commissario straordinario a procedere all’utilizzo della graduatoria relativa al concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo pieno ed indeterminato, di quattro posti di Dirigente Medico – Specialista in Ostetricia e Ginecologia, all’assunzione dell’unico  dirigente medico – specialista in ostetricia e ginecologia – che ha comunicato la propria accettazione all’assunzione, tramite la stipulazione di contratto individuale di lavoro a tempo pieno ed indeterminato. Quindi è arrivata la delibera del commissario straordinario che ha dato il disco verde all’affidamenti del nuovo incarico.

Carenza di personale anche nell’Unità di radiologia

E non se la passano certamente meglio neanche i medici del Pronto soccorso, gli anestesisti in quanto – come è tristemente noto – la carenza di organico coinvolge diversi reparti ospedalieri dei tre nosocomi vibonesi: Vibo Valentia, Serra e Tropea. L’unità di Radiologia compresa. Un nuovo Protocollo d’intesa, infatti, tra la locale Azienda sanitaria e l’ospedale Pugliese Ciaccio di Catanzaro, al fine di far arrivare nell’ospedale “Jazzolino” altri medici-radiologi dal nosocomio del capoluogo di regione. Nel reparto di Radiologia dell’ospedale vibonese, infatti, persiste una grave carenza di personale medico: circostanza che ha indotto il commissario straordinario Giuseppe Giuliano a chiedere aiuto al Pugliese Ciaccio. La richiesta risale al 25 agosto scorso ed è motivata dalla necessità di «garantire i livelli di assistenza previsti dalle vigenti disposizioni». L’Azienda ospedaliera di Catanzaro ha dato la propria disponibilità, fino «all’esaurirsi delle necessità dell’Asp di Vibo in relazione alle nuove assunzioni programmate ed autorizzate». Al momento è previsto che la convenzione abbia validità fino al 31 dicembre 2022.

LEGGI ANCHE: Ospedale di Vibo, grave carenza di personale in Radiologia: arrivano in aiuto i medici di Catanzaro

LEGGI ANCHE: Sorpresa pure a Cardiologia, ci sono nuovi medici: l’Asp conferisce l’incarico ai vincitori di concorso

LEGGI ANCHE: Sanità vibonese, al Suem 118 le ambulanze non sono sufficienti: l’Asp le acquista «in via d’urgenza»

Articoli correlati

top