domenica,Maggio 19 2024

Asp di Vibo, Fp Cgil attacca ancora Giuliano e annuncia un esposto

Sulla questione mobilità e assunzioni, il sindacato si rivolge anche al commissario ad acta Occhiuto. «In caso di mancate risposte, ci rivolgeremo alla magistratura e all'autorità nazionale anticorruzione»

Asp di Vibo, Fp Cgil attacca ancora Giuliano e annuncia un esposto
La sede dell'Asp e, nel riquadro, il commissario Giuliano

Funzione pubblica Cgil torna sulla questione sanità vibonese, nella persona del segretario dell’area vasta Catanzaro – Crotone – Vibo Valentia Franco Grillo. E lo fa con una lettera aperta indirizzata al commissario ad acta e presidente della Regione Roberto Occhiuto, ai parlamentari e ai consiglieri regionali vibonesi. «Il commissario straordinario dell’Asp di Vibo Valentia con la replica, a mezzo stampa, alle contestazioni espresse dalla Fp Cgil in merito alla richiesta di revoca della delibera n. 488/CS del 16/03/2023 (Avviso di mobilità regionale e interregionale di dirigente delle professioni sanitarie) si rende protagonista di una palese menzogna in quanto asserisce di non capire “perché la Cgil abbia scelto di andare subito sulla stampa per esprimere il suo dissenso”. Sull’argomento il dottor Giuliano “mente sapendo di mentire” in quanto giorni prima dell’invio della nostra lettera aperta era stato raggiunto da una richiesta scritta a firma dello scrivente con la quale si chiedeva formalmente la convocazione di una riunione per discutere della proposta di riorganizzazione aziendale (atto aziendale) compreso l’avviso oggetto di polemica. Pertanto se la sede naturale per lo scambio dialettico deve essere la sede aziendale (come lui stesso asserisce nella sua dichiarazione alla stampa) non deve fare altro che revocare la delibera 488 e convocare il tavolo negoziale. Ad oggi niente di tutto ciò è avvenuto e siamo costretti, nostro malgrado, a registrare e denunciare pubblicamente che il commissario dell’Asp di Vibo non ha ancora revocato la delibera 488 ma scopriamo, su segnalazione di molti lavoratori fuori sede, che il Dr Giuliano si è reso protagonista di ulteriori provvedimenti amministrativi che evidenziano un elevato grado di approssimazione della sua azione amministrativa». [Continua in basso]

Prosegue grillo: «Infatti sul sito aziendale dell’Asp di Vibo Valentia e sul nuovo portale nazionale InPA è comparso uno strano “avviso di mobilità volontaria regionale e interregionale, compartimentale e intercompartimentale, per titoli ed eventuale colloquio, per la copertura dei posti/profili vari autorizzati per l’anno 2022 con il D.C.A n. 150/2022 e di cui alla delibera del Commissario Straordinario n. 1530/CS del 26 ottobre 2022” il cui termine per la presentazione delle domande scadrebbe il giorno 16 settembre 2023. Cliccando sul link avviso ti aspetteresti di trovare, come sarebbe giusto che fosse, l’indicazione pedissequa della tipologia e del numero dei vari profili professionali messi a bando (https://www.inpa.gov.it/bandi-e-avvisi/dettagliobandoavviso/ concorso_id=8d6ed5685e774e29a3c8a71e8bfd040b). Paradossalmente non c’è nulla di tutto questo ma solo un rimando generico alla delibera N. 1530/CS DEL 26 OTTOBRE 2022 con la quale il commissario dell’Asp di Vibo Valentia ha recepito, in passato, il piano annuale del fabbisogno del personale che, come è noto, è composto di tanti allegati numerici moschicida che anche gli addetti ai lavori trovano difficoltà a consultare. Stranamente l’avviso non è recepito con delibera e “ovviamente” non è indicato nessun responsabile di procedimento».

E ancora: «All’interno dell’avviso alla voce presentazione delle domande il commissario straordinario inserisce anche una strana postilla: “L’azienda in presenza di imprevisti fabbisogni assunzionali urgenti e indifferibili si riserva la facoltà di valutare le istanze pervenute anche qualora non sia ancora intervenuta la scadenza del termine del presente avviso” ovvero quella del 16 settembre 2023. Alla luce di ciò, ammesso e non concesso che la deroga alla data di scadenza di un bando fatto su scala nazionale sia veramente una prerogativa riconosciuta al commissario straordinario dell’Asp di Vibo Valentia, ti aspetteresti di trovare l’applicazione di questa postilla per figure professionale carenti quali anestesisti, radiologi, ortopedici. Invece no, in data 20 Marzo u.s. appare la pubblicazione, con deroga della data di scadenza a soli 30 giorni, del famigerato “’avviso pubblico di mobilità, compartimentale e intercompartimentale, regionale ed interregionale, per titoli e colloquio, per la copertura a tempo indeterminato di n. 2 Dirigente delle Professioni Sanitarie”. [Continua in basso]

Il segretario di Fp Cgil Area Vasta pone dunque alcune domande al commissario ad acta Roberto Occhiuto, «alla luce anche delle riflessioni già effettuate sull’argomento (il 20 marzo 2023) nella prima lettera aperta con la quale si evidenziavano “congetture, irrazionalità, illogicità, ecc…”». Ecco i quesiti di Grillo: «È normale che il commissario straordinario dell’Asp di Vibo Valentia si possa arrogare il diritto di utilizzare il ruolo di amministratore pubblico per perseguire finalità che non hanno niente a che fare con i principi di buon andamento di una pubblica amministrazione? È lecito che un commissario si arroghi il diritto di far pubblicare atti amministrativi su un sito nazionale, quale quello dell’InPA, senza rispettare le procedure amministrative più elementari quali l’adozione di una delibera per l’indizione di un bando e l’obbligatoria individuazione di un responsabile di procedimento? Tra le tante funzioni di programmazione e controllo demandate ad un commissario straordinario è lecito che questi utilizzi il suo tempo ad occuparsi, in prima persona, della stesura e adozione degli atti amministrativi?  In tal caso ci chiediamo a cosa gli servono i nove dirigenti di fresca nomina assegnati presso gli uffici direzionali dell’Asp di Vibo Valentia? Stesso dicasi per il bando costruito evidentemente ad arte per il reclutamento del “Direttore delle Risorse Umane”. Sull’argomento chiediamo ad Occhiuto: come si può affidare una struttura complessa ad un dirigente senza esperienza curriculare specifica in tale settore visto che tra i requisiti si prevede la possibilità che ciò accada?»

Conclude Grillo: «In caso di mancate risposte la Fp Cgil si riserva, sin d’ora, la facoltà di dare mandato al proprio ufficio legale per la predisposizione di appositi esposti/segnalazioni alle autorità preposte (magistratura ordinaria e contabile) senza escludere una specifica comunicazione anche all’Autorità nazionale anticorruzione deputata, com’è noto, a svolgere attività di prevenzione della corruzione nelle amministrazioni pubbliche».

LEGGI ANCHE: Asp di Vibo, la Cgil: «Da Giuliano scelte irrazionali con aggravio di spese immotivate»

Vibo, il 31 marzo una marcia per rivendicare il diritto alla salute

Articoli correlati

top