mercoledì,Aprile 17 2024

Easy Asp, uno sportello dell’Azienda sanitaria in undici Comuni del Vibonese: il progetto

Il primo passo consiste nella formazione dei dipendenti comunali. Si potrà così accedere più agevolmente alle prenotazioni di visite specialistiche, esenzione ticket per reddito, scelta e revoca del medico

Easy Asp, uno sportello dell’Azienda sanitaria in undici Comuni del Vibonese: il progetto
La sede dell'Asp di Vibo Valentia

Si chiama “Easy Asp- In Comune” e si tratta del progetto pilota lanciato dall’Azienda sanitaria di Vibo Valentia diretta dal commissario straordinario Antonio Battistini. Si tratta di una iniziativa di non poco conto che coinvolge ben 11 paesi. L’obiettivo principale del progetto – i cui dettagli verranno pubblicati in apposito atto dall’Asp nei prossimi giorni- è fornire al personale dei comuni della provincia di Vibo Valentia una formazione specifica sulle modalità di attivazione e utilizzo dei servizi online della Azienda sanitaria di Vibo Valentia. Più specificatamente, le attività mirano a migliorare l’accessibilità e l’efficienza dei servizi pubblici, consentendo ai cittadini di accedere in modo rapido ed efficace alle prenotazioni di visite specialistiche, esenzione ticket per reddito, scelta e revoca del medico di medicina generale e pediatra di libera scelta, pagamento tramite Pago pubblica amministrazione. Tutti servizi spesso al centro delle lamentele degli utenti per i tempi di attesa e le lungaggini burocratiche.

In-Comune, i dettagli

L’iniziativa era stata anticipata qualche giorno fa proprio dallo stesso commissario Battistini. Oltre al “Recovery day”, con l’apertura straordinaria degli ambulatori per smaltire le lunghe liste di attesa, l’Asp lancia “In-Comune” che prevede la creazione di uno sportello nelle sedi municipali degli enti aderenti al progetto. Sarà proprio il personale del Comune a facilitare l’accesso alle cure. Il progetto pilota, così come evidenziato e annunciato da Battistini, è stato pensato soprattutto per le categorie più fragili come anziani o persone con disabilità che faticano a raggiungere le strutture ospedaliere per il disbrigo delle pratiche o semplicemente per effettuare le prenotazioni. Il progetto è destinato a:

  • Brognaturo
  • Dasà
  • Mileto
  • Mongiana
  • Monterosso Calabro
  • Nardodipace
  • Pizzo
  • Pizzoni
  • Rombiolo
  • San Nicola da Crissa
  • Zaccanopoli

I partecipanti saranno selezionati all’interno di ciascun comune partecipante e seguiranno il percorso formativo senza nessun costo. A coordinare le attività, il responsabile dell’ufficio Cup e Alpi (Attività libero-professionale intramuraria) dell’Azienda sanitaria di Vibo che dovrà assicurare la corretta esecuzione e la collaborazione tra i vari Comuni aderenti.

La formazione del personale dei Comuni

Il corso (durerà complessivamente 6 ore) verrà ospitato nel Centro di formazione aziendale a Pizzo. Le lezioni, tenute da personale individuato tra esperti di settore, saranno strutturate in modo da fornire al personale dei comuni le competenze necessarie per attivare ed utilizzare correttamente i servizi online della Asp. In più i partecipanti potranno esercitarsi direttamente sulle piattaforme online, al fine di migliorare la loro familiarità e competenza nell’utilizzo delle procedure. I servizi digitalizzati, nell’auspicio dei promotori, verranno resi disponibili ai cittadini in modo efficiente consentendo di semplificare le procedure e migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria. L’idea “In-Comune” è nata proprio dal commissario dell’Asp vibonese, maturata dopo tanti sopralluoghi che ha effettuato “in incognito” nelle strutture sanitarie del comprensorio e dall’ascolto dei pazienti.

LEGGI ANCHE: La road map del generale Battistini per risollevare la sanità nel Vibonese

Dalla carenza dei medici alle difficoltà negli ospedali, Forum Terzo settore Vibo: «Emergenze non rinviabili»

Sanità, i calabresi scappano fuori regione per curarsi: i dati più alti d’Italia

Articoli correlati

top