lunedì,Aprile 22 2024

Vibo e disabilità, Progetto di Vita Individuale tra aspetti amministrativi e operativi

Concluso il corso per Tecnico di analisi del comportamento. L’impegno delle associazioni Io Autentico OdV e Oltre l'Autismo Catanzaro&Lamezia

Vibo e disabilità, Progetto di Vita Individuale tra aspetti amministrativi e operativi
Un momento del corso per Tecnico di analisi del comportamento

«A conclusione del corso per Tecnico di analisi del comportamento – Edizione di Vibo Valentia 2022, Io autentico OdV e Oltre l’autismo Catanzaro&Lamezia hanno inserito un modulo aggiuntivo sul Progetto di Vita Individuale. Sono stati approfonditi i principi della Convenzione Onu dei Diritti delle persone con disabilità e le norme vigenti a garanzia del Progetto di Vita, insieme al ruolo di advocacy delle associazioni di Uniti per l’Autismo Calabria». È quanto fanno sapere dalla sede dell’associazione vibonese Io autentico OdV (da sempre in prima linea nel dare sostegno alle persone affette da autismo) presieduta da Enrico Mignolo in riferimento al termine dell’iniziativa svoltasi all’hotel Vecchia Vibo del capoluogo. Il Tecnico del comportamento – ricordiamo – è una figura che applica i principi dell’Analisi comportamentale sotto la supervisione di un analista del comportamento. Il Tecnico ha una preparazione di base sui principi e le procedure dell’Applied Behavior Analysis ed è in grado di sviluppare interventi diretti (progettati da un analista o da un assistente analista del comportamento) per persone con disabilità intellettiva e autismo in contesti socio-sanitari, educativi e scolastici. [Continua in basso]

«La docenza del modulo – aggiunge il direttivo del sodalizio vibonese – è stata gestita da Chiara Birrello, psicologa-psicoterapeuta e Francesca Petrolo, assistente sociale, liberi professionisti in servizio presso l’Ambito Territoriale numero 1 di Vibo Valentia, case managers di numerosi Progetti di Vita avviati e in corso di definizione. Il modulo ha riguardato gli aspetti operativi, amministrativi, di budget e soprattutto di gestione della rete di contesti di cui fa parte la persona con disabilità che richiede il Progetto di Vita. Il modulo aggiuntivo è stato il naturale completamento del percorso per Tecnici di analisi del comportamento condotto intensamente dalle dottoresse Elena Congestrì e Ines Vittorio che ringraziamo per averci supportato nella creazione di una rete di competenze allargate a più funzioni, a servizio delle persone e dei loro contesti. Qui, al Sud – questa la conclusione del direttivo – stiamo costruendo cose buone e facendo la differenza».

LEGGI ANCHE: Vibo, al via un seminario dedicato ai docenti di studenti con bisogni educativi speciali

Persone non autosufficienti, short list per esperti Case Manager: progetto per 15 Comuni vibonesi

Articoli correlati

top