venerdì,Luglio 19 2024

Il presepe vivente di Comerconi compie 25 anni e si prepara ad un’edizione speciale

Appuntamento il 26 dicembre e il 6 gennaio nel suggestivo borgo: un’occasione anche per un tuffo nel passato alla riscoperta di antichi mestieri e sapori della tradizione contadina. Il taglio del nastro affidato ai bambini e ai ragazzi che negli anni hanno interpretato il Bambinello

Il presepe vivente di Comerconi compie 25 anni e si prepara ad un’edizione speciale
Immagini dalle precedenti edizioni del presepe vivente di Comerconi

Era il Natale del 1997 quando per la prima volta la piccola comunità di Comerconi, frazione di Nicotera, mise in piedi il suo Presepe vivente. Una manifestazione che è diventata col passare degli anni una tradizione, un appuntamento imperdibile per ritrovarsi e far rivivere il sempre più spopolato centro storico. Ci si è fermati solo nel 2020 e nel 2021 a causa della pandemia da Covid-19, ma ecco che dopo il gran ritorno dell’anno scorso (QUI IL VIDEO), si è giunti ora alla 25esima edizione. Un traguardo importante, che fa del Presepe vivente di Comerconi uno dei più longevi della provincia di Vibo Valentia e non solo. Il piccolo borgo – con in testa il comitato organizzatore guidato da don Saverio Callisti – in questi giorni è dunque in fermento e si prepara ad accogliere i tanti visitatori attesi, come di consueto nelle giornate del 26 dicembre e del 6 gennaio.
In quelle date (a partire dalle 17:30), la parte vecchia di Comerconi si trasformerà nuovamente nella Betlemme di duemila anni fa. Il percorso (quest’anno con qualche novità) si snoda attraverso suggestive viuzze lastricate in pietra e orti che affacciano direttamente sul golfo di Gioia Tauro e lo stretto di Messina. Il tutto illuminato da fiaccole o fuochi accesi, a rendere ancora più magica l’atmosfera. L’inaugurazione della 25esima edizione sarà un momento speciale: il taglio del nastro sarà infatti affidato ai bambini e ragazzi che in questi anni hanno interpretato il ruolo di Gesù Bambino. Sarà inoltre presentata al pubblico la mostra fotografica sui 25 anni di Presepe vivente.

La Natività e i Re magi al presepe vivente di Comerconi

Come ogni anno, la manifestazione sarà l’occasione per rivivere la nascita del Bambinello ma anche per un vero e proprio tuffo nel passato con la riscoperta dei vecchi mestieri e dei sapori della tradizione paesana: dai fagioli cucinati sul fuoco nella “pignata” alla ricotta calda appena fatta, dal pane cotto nel forno a legna al famoso vino di Comerconi, fino all’assaggio di zeppole e curuji. Tante le scene proposte e i personaggi interpretati dalla piccola e laboriosa comunità di Comerconi. Scena principale ovviamente la grotta, con la Sacra famiglia e il bue con l’asinello: anche quest’anno il Bambinello, come da tradizione, sarà impersonato dall’ultimo nato del paese.

Oltre alle serate del 26 dicembre e del 6 gennaio, quest’anno per festeggiare i 25 anni il programma prevede anche un altro appuntamento: una vera e propria festa che si terrà il 29 dicembre, quando verrà proiettato un filmato per ripercorrere i momenti salienti e i ricordi di questi anni.

LEGGI ANCHE: Diocesi, il messaggio di Natale del vescovo: «Tanti bimbi patiscono la stessa nudità di Gesù»

Il quartiere Baglio rivive a Nicotera con “Misteriandu a Natale”

Articoli correlati

top