giovedì,Settembre 23 2021

La Ciclovia della Magna Grecia: un sogno che potrebbe diventare presto realtà

Un tracciato da 1200 chilometri, 800 dei quali in Calabria. A Palazzo Luigi Razza confronto tra gli incaricati della Regione, i sindaci della provincia e il referente della società Cooprogetti

La Ciclovia della Magna Grecia: un sogno che potrebbe diventare presto realtà
Ecco il percorso della Ciclovia della Magna Grecia

La Ciclovia della Magna Grecia, un grande sogno che – negli auspici degli amministratori locali – si spera possa divenire presto realtà. Per questo, ieri a palazzo Luigi Razza, si è tenuto un incontro con i tecnici incaricati dalla Regione Calabria ed i rappresentanti degli enti locali territoriali. Presente, anche se da remoto,  il sindaco di Vibo Maria Limardo assieme ai colleghi di Filandari (Rita Fuduli), Cessaniti (Francesco Mazzeo), Ionadi (Antonio Arena), Mileto (Fortunato Giordano), San Calogero (Giuseppe Muraca), Zungri (Franco Galati) e Briatico  (il vicesindaco Mariateresa Centro). Nel corso dell’incontro è stata presentata l’idea progettuale e sono state illustrate le azioni propedeutiche alla realizzazione, appunto, della Ciclovia della Magna Grecia. All’incontro erano presenti anche gli assessori Giovanni Russo, Pasquale  Scalamogna e Michele Falduto, oltre al vicesindaco di Vibo Valentia Domenico Primerano, il quale ha introdotto i lavori.

L’incontro tra tecnici della Regione e sindaci a Palazzo Luigi Razza

La Ciclovia Magna Grecia interessa le regioni Basilicata, Calabria e Sicilia ed è parte integrante di uno scenario più ampio che vede la stessa Ciclovia inserita negli itinerari ciclabili di lunga percorrenza del territorio europeo. I rappresentanti della Regione Calabria ha spiegato che il progetto rientra tra le dieci piste ciclabili del sistema nazionale delle ciclovie turistiche, e punta a creare vere e proprie «autostrade delle biciclette». Verrà progettata attraverso l’integrazione dei principali itinerari di lungo percorrenza  che interessano il territorio regionale e i percorsi infraregionali.

L’idea è stata illustrata dall’architetto Enrico Costa, referente della società Cooprogetti, il quale ha evidenziato  come il tracciato si sviluppa su 1.200 chilometri, dei quali ben 800 in Calabria. Il tracciato ha come punto di partenza Lagonegro (Potenza) e come punto di arrivo Pachino (Siracusa). Esso rappresenta la parte terminale dell’Itinerario Eurovelo 7, che attraversa l’Europa  per circa 7.400 chilometri lungo la direttrice Nord-Sud, da Capo Nord in Norvegia  fino all’isola di Malta nel Mediterraneo, passando per la Finlandia, Svezia, Danimarca, Germania, Repubblica Ceca, Austria e Italia. Ha infine presentato  il  tracciato di massima che deve rispettare alcuni indicatori (pendenza , larghezza, semafori, sottopassi, protezione sicurezza) ed deve avere un percorso agevole per tutte le tipologie di utenti.

Il sindaco Maria Limardo ha ringraziato la Regione e i colleghi amministratori che hanno partecipato a questa riunione. «L’idea progetto della Ciclovia della Magna Grecia  – ha commentato il primo cittadino  – servirà a promuovere il territorio attraverso forme di turismo sostenibile. Questo percorso valorizzerà l’economia dei luoghi attraversati e si connetterà con altri itinerari cicloturistici creando un collegamento tra tutti i siti dei Comuni con ciclovie secondarie». Ha concluso i lavori  il vicesindaco di Vibo Mimmo  Primerano: «Quest’opera è certamente un progetto che dopo gli opportuni approfondimenti sulla sua effettiva  realizzazione produrrà benefici per il territorio vibonese, nell’ottica di uno sviluppo sostenibile che saprà valorizzare il nostro straordinario patrimonio storico-architettonico e naturalistico».

Articoli correlati

top