sabato,Marzo 2 2024

Emergenza cinghiali, concluso il corso per cacciatori organizzato dal Parco delle Serre

Il progetto si è chiuso con la consegna degli attestati alla Cittadella regionale. Il commissario Grillo: «Intensificata l’azione di contrasto alla sovrappopolazione degli ungulati»

Emergenza cinghiali, concluso il corso per cacciatori organizzato dal Parco delle Serre

Il Parco delle Serre, rispondendo alle esigenze di tutela delle produzioni agricole, all’esigenza di sicurezza stradale, di tutela generale dell’ambiente e dell’ecosistema, ha ulteriormente implementato le azioni di forte contrasto al fenomeno della proliferazione della specie del cinghiale. Il fenomeno della sovrappopolazione, che ha assunto aspetti di emergenza nazionale, si concretizza purtroppo anche nell’area protetta provocando danni sotto molteplici aspetti. In particolare la sovrappopolazione rappresenta uno squilibrio che produce effetti negativi sia all’ecosistema con la sistematica distruzione del sottobosco e sia alle produzioni agricole. L’attuazione del Piano quinquennale di controllo della specie del cinghiale, approvato sotto l’egida dell’Ispra nel 2022, ha bisogno di essere attuato da personale idoneo e appositamente formato. A tal fine nei mesi scorsi, e sempre dopo parere dell’Ispra, il Parco ha organizzato e svolto un corso per il conseguimento della qualifica di “coadiutore ai piani di controllo numerico della specie del cinghiale” e “cacciatore di ungulati con metodi selettivi – specie cinghiale”. Inoltre rispondendo anche alle esigenze legate all’emergenza in atto relative alla peste suina africana i discenti hanno conseguito l’ulteriore qualifica di “operatore di rilievo biometrico sul cinghiale”. Alla cerimonia di consegna dei 100 attestati di qualifica, svoltasi nella Cittadella regionale “Jole Santelli”, sono intervenuti il commissario straordinario Alfonso Grillo, l’assessore regionale all’Agricoltura e Caccia Gianluca Gallo e il direttore del Parco Francesco Maria Pititto. “La consegna degli attestati di qualifica al termine del corso di formazione costituisce per l’Ente – ha dichiarato il commissario Grillo – la conclusione di un percorso con il quale si intensifica ulteriormente l’azione di contrasto alla sovrappopolazione della specie del cinghiale nell’area protetta, che già nell’anno 2023 sta portando importanti risultati. La presenza dell’assessore Gallo rappresenta il segno tangibile di quanto la problematica sia sentita dalla Giunta regionale e di come l’Assessorato all’Agricoltura della regione Calabria supporti le politiche messe in atto dal Parco delle Serre. Il Piano di controllo continuerà quindi con maggior vigore grazie ai controllori appena formati e permetterà, nell’arco quinquennale di vigenza, di raggiungere gli obiettivi di riduzione prefissati”.

LEGGI ANCHE: Pizzo e i cinghiali a spasso, il sindaco: «Sulla fauna selvatica è competente la Regione»

Cinghiali a Maierato: la disperazione di un agricoltore che abbandona il terreno

Anziano aggredito da un cinghiale nel Vibonese

Articoli correlati

top