sabato,Giugno 22 2024

Comune di Stefanaconi: il prefetto dispone l’invio della Commissione di accesso agli atti

La terna commissariale avrà il compito di accertare eventuali infiltrazioni mafiose nella vita dell’ente. Lo scorso anno era stato l’allora presidente dell’Antimafia Nicola Morra a sollevare il “caso Solano”

Comune di Stefanaconi: il prefetto dispone l’invio della Commissione di accesso agli atti
Il Comune di Stefanaconi ed il sindaco Salvatore Solano
La Prefettura di Vibo e nel riquadro il nuovo prefetto Giovanni Paolo Grieco

Commissione di accesso agli atti al Comune di Stefanaconi per accertare eventuali infiltrazioni mafiose. A disporla è stato il prefetto di Vibo Valentia, Giovanni Paolo Grieco (con decreto numero 41831). La Commissione avrà tre mesi di tempo per acquisire gli atti prodotti dall’insediamento dell’attuale amministrazione comunale – guidata dal sindaco Salvatore Solano – ad oggi. Solano è stato rieletto il 13 giugno 2022 e la Commissione di accesso agli atti potrà quindi “spulciare” anche su tutti gli atti prodotti nella precedente consiliatura guidata dal primo cittadino, nonché evidenziare rapporti, frequentazioni ed eventuali parentele “controindicate”. “Riponiamo piena fiducia nelle Istituzioni dello Stato – ha dichiarato Salvatore Solano nella pagina Facebook del Comune di Stefanaconi – che  hanno il compito di accertare la verità secondo giustizia e legalità, a cui, noi amministratori, non ci siamo mai sottratti e mai ci sottrarremo. Siamo nati come squadra e come squadra continueremo a stare uniti, certi che l’onestà e la dirittura morale cristallizzata nel nostro agire amministrativo possa continuare ad alimentare il sogno e l’impegno per la comunità di Stefanaconi”. Ricordiamo che la Commissione di accesso agli atti era stata ripetutamente chiesta lo scorso anno dall’allora presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra, per quanto riguarda la Provincia di Vibo guidata all’epoca alla presidenza proprio da Salvatore Solano. Morra aveva ricordato che “Salvatore Solano dal 20 ottobre 2021 si trova sotto processo essendo stato rinviato a giudizio dal gup distrettuale nell’ambito dell’operazione antimafia denominata Petrol Mafie (nota anche come “Rinascita Scott 2”). Salvatore Solano – nelle vesti di presidente della Provincia di Vibo – si trova sotto processo per i reati di turbativa d’asta con l’aggravante delle finalità mafiose, corruzione, estorsione elettorale. E’ accusato – in concorso con il cugino Giuseppe D’Amico, imprenditore arrestato e tuttora in carcere poichè ritenuto il principale indagato dell’operazione ed accusato di associazione mafiosa, estorsione, traffico di petroli e di stupefacenti – di aver estorto il voto agli elettori (sindaci del Vibonese e consiglieri comunali) per essere eletto presidente della Provincia nell’ottobre 2018, nonché di aver turbato una gara d’appalto – unitamente a tre dipendenti della Provincia pure loro sotto processo – per favorire la ditta del cugino Giuseppe D’Amico. In tale ultimo caso il reato – turbativa d’asta – è aggravato dalle finalità mafiose, cioè dalla volontà di agevolare una ditta (quella dei suoi cugini D’Amico) ritenuta in mano alla ‘ndrangheta (clan Mancuso e clan dei Piscopisani)”. La Prefettura di Vibo, all’epoca guidata dal prefetto di Vibo Roberta Lulli, non aveva ritenuto di inviare alcuna Commissione di accesso agli atti alla Provincia (Solano ha concluso il proprio mandato venendo sostituito da Corrado L’Andolina). Il nuovo prefetto Giovanni Paolo Grieco ha ora deciso l’invio della Commissione di accesso agli atti al Comune di Stefanaconi che avrà tre mesi di tempo per stilare una prima relazione.

LEGGI ANCHE: Infiltrazioni mafiose al Comune di Acquaro: sciolti gli organi elettivi

Morra al prefetto di Vibo: «Indaghi sugli amministratori di Capistrano e sui loro legami compromettenti»

Comune di Tropea e infiltrazioni mafiose: Morra chiede al prefetto di Vibo l’accesso agli atti

Antimafia al Comune di Tropea: Morra alza il velo su concorsi e stabilizzazioni

I retroscena del “caso Mangialavori” fra inchieste, una politica vibonese miope e i silenzi che non pagano

Stefanaconi: lavori abusivi a casa Solano, ecco tutte le violazioni

‘Ndrangheta: il presidente della Provincia di Vibo indagato pure per turbata libertà degli incanti

Il presidente della Provincia di Vibo ed i legami “scomodi” con i cugini D’Amico arrestati

“Rinascita Scott 2”: il bitume per la Provincia di Vibo e la politica del consenso

top