sabato,Maggio 18 2024

Imponimento, Tedesco in aula: «Ho chiesto voti per Mangialavori pure alla moglie di Rocco Anello»

Deposizione dell’ingegnere ed ex consigliere comunale nel processo che lo vede imputato di associazione mafiosa ed estorsione aggravata

Imponimento, Tedesco in aula: «Ho chiesto voti per Mangialavori pure alla moglie di Rocco Anello»
A sinistra Fracescantonio Tedesco, a destra il boss Rocco Anello
Franco Tedesco

Ha affrontato anche il “capitolo” dei voti dirottati sull’allora candidato al Senato della Repubblica, Giuseppe Mangialavori, poi eletto nel 2018, l’esame dell’imputato Francescantonio Tedesco, l’ingegnere sotto processo a seguito dell’operazione antimafia denominata “Imponimento”. E’ stata direttamente la presidente del Tribunale collegiale di Lamezia Terme, Angelina Silvestri, nel corso dell’esame di Francescantonio Tedesco, ad introdurre l’argomento che fa parte di uno specifico capo di imputazione mosso a Tedesco, 56 anni, di Vibo Valentia, già consigliere comunale a Vibo. Nei confronti dell’imputato vengono mosse le accuse di associazione mafiosa (clan Anello di Filadelfia guidato dal boss Rocco Anello) ed estorsione aggravata dal metodo mafioso.

La Cassazione su Tedesco

In base alla prospettazione accusatoria, condivisa dai giudici del merito cautelare, l’indagato – aveva evidenziato nel maggio 2021 la Cassazione –professionista attivo nel settore dei lavori edili ed impegnato nella vita politica locale, aveva collaborato con la cosca di ‘ndrangheta Anello-Fruci nel mantenimento del controllo del settore edilizio, anche concorrendo ad esercitare pressioni su imprenditori in occasione di specifiche vicende estorsive, nonché contribuendo a formare la strategia del sodalizio in ambito politico sì da promuovere in un caso il sostegno della cosca alle elezioni politiche nazionali del 2018 in favore di Mangialavori Giuseppe, poi eletto al Senato della Repubblica”.

Le domande della presidente

“Lei conosce Mangialavori Giuseppe”? – ha chiesto all’imputato il giudice Angelina Silvestri. Questa la risposta di Francescantonio Tedeschi: Con Giuseppe Mangialavori io sono amico di infanzia, io con Mangialavori ho condiviso molta parte della mia vita, sia goliardica che altro. Eravamo proprio legatissimi, fratelli, ma ancora di più, ancora prima, ero molto legato al padre, il dottore Niuccio Mangialavori, che per me, nel momento in cui è morto mio padre, per me è stato come un padre. Con Peppe poi siamo cresciuti, vivevamo insieme, io andavo a casa sua”. Altra domanda della presidente del Collegio: “In occasione delle elezioni politiche nel 2018, che cosa mi può dire, gli imputati Anello Giovanni piuttosto che Anello Rocco, si sono rivolti a lei…”. Risposta di Tedesco: Ad Anello Giovanni l’ho conosciuto una sola volta, lo conoscevo di nome perché lui era consigliere comunale, assessore in un paese, Polia, e io pure ero consigliere comunale a Vibo, quindi lo conoscevo così, sapevo chi fosse. L’ho conosciuto personalmente un’unica volta sul cantiere, sul cantiere, al Galia, ma io ad Anello Giovanni non ho mai chiesto i voti, anche perché non avevo questo rapporto per poter chiedere il voto. Rispetto alle elezioni politiche del 2018 io ho sostenuto Mangialavori. Ho chiesto i voti a tutti: dalla cassiera del supermercato al macellaio, a tutti, a chi potevo, anche perché venivamo da un periodo di crisi tra me e lui, avevamo litigato, sempre per questioni futili, di politica, però non ci rivolgevamo la parola da anni. io il voto l’ho chiesto a Caridà e nello stesso tempo una sera vengo contattato da Prestanicola, il quale mi diceva che era stato invitato ad una riunione politica a Sant’Onofrio, alla quale io non partecipai, e gli ho detto: guarda, se vedi a Peppe, ti avvicini e diglielo che sei mio amico, anzi digli pure che te l’ho chiesto io, e lo stesso l’ho fatto con Caridà. Caridà era molto amico, era amico di un mio amico. E quindi gli ho detto: sicuramente te l’avrà chiesto pure lui ma tu digli che te l’ho chiesto io, perché a me interessava in quel periodo riappacificare questo rapporto con Mangialavori e volevo che lui capisse che io lo stessi aiutando e che non l’avevo abbandonato. Io ho chiesto il voto pure alla moglie di Anello Rocco, alla figlia e al genero, l’ho chiesto io il voto, perché con Rocco Anello condividevo tutto sul cantiere, era il mio mentore di lavoro. Io stavo là otto ore al giorno e lui e le volte che veniva si parlava di tutto, si chiacchierava, c’era convivialità. Rocco Anello mi disse però che a lui la politica non interessava, che era una cosa sporca”. Francescantonio Tedesco nel processo è difeso dagli avvocati Vincenzo Belvedere e Stefano Luciano.

Giuseppe Mangialavori (non indagato)

Da precisare che il parlamentare di Forza Italia, Giuseppe Mangialavori, attuale deputato e presidente della Commissione Bilancio della Camera dei deputati non risulta indagato nell’operazione “Imponimento”. Tra gli imputati c’è invece il costruttore Francesco Caridà, 55 anni, accusato del reato di associazione mafiosa (condotta riqualificata in concorso esterno dal Tribunale del Riesame) e estorsione aggravata dal metodo e dalle modalità mafiose per la realizzazione del supermercato Eurospin a Pizzo. Imputato è anche Giovanni Anello e nel suo capo d’imputazione, mosso in concorso con Daniele Prestanicola e Francescantonio Tedesco, è dato leggere che gli stessi hanno “contribuito a formare la strategia del sodalizio in ambito politico, come quando promuovevano il sostegno della cosca alle elezioni politiche nazionali del 2018 al dott. Mangialavori Giuseppe, poi eletto al Senato della Repubblica”. Daniele Prestanicola, 41 anni, imprenditore di Maierato, al termine del processo con rito abbreviato è stato condannato a 16 anni e 2 mesi (è in corso il processo d’appello). Sempre in abbreviato il boss di Filadelfia Rocco Anello, di 61 anni, è stato condannato a 20 anni di reclusione, mentre la moglie Angela Bartucca è stata condannata a 12 anni. Anche nei loro confronti è in corso il processo di secondo grado.

LEGGI ANCHE: “Imponimento”: i voti a Filadelfia, il boss Anello e l’interesse per il senatore Mangialavori

Morra non diffamò Mangialavori, assolto l’ex presidente dell’Antimafia

Morra contro Mangialavori: «Chiarisca sostegno clan ipotizzato da Dda di Gratteri e l’assunzione della figlia del boss»

 Antimafia, Morra di nuovo contro il coordinatore calabrese di Forza Italia Mangialavori: «Silenzio assordante»

 I retroscena del “caso Mangialavori” fra inchieste, una politica vibonese miope e i silenzi che non pagano

Imponimento: Tedesco resta in carcere pure per i voti del clan Anello al senatore Mangialavori

‘Ndrangheta: il sostegno elettorale di tre arrestati per il senatore Mangialavori

Articoli correlati

top