mercoledì,Maggio 22 2024

Sistema bibliotecario, Anthony Lo Bianco: «Si scongiuri la chiusura»

Il consigliere comunale invita la Regione Calabria, il presidente Occhiuto e il sindaco di Vibo Maria Limardo a dare «risposte concrete»

Sistema bibliotecario, Anthony Lo Bianco: «Si scongiuri la chiusura»
Anthony Lo Bianco, consigliere comunale

«La Regione Calabria, il presidente Occhiuto e il sindaco di Vibo Valentia diano risposte concrete in termini di finanziamento, assetto giuridico e personale specializzato per garantire la continuità di uno degli storici presidi culturali della città di Vibo Valentia». Lo dichiara Anthony Lo Bianco, consigliere comunale di Vibo Valentia il quale ritiene: «Essenziale richiamare tutti alla riflessione, perché senza conoscenza e senza luoghi deputati a custodire la cultura, ma soprattutto a rendere disponibile a tutti la conoscenza, non può esservi memoria – ha proseguito – lo sanno bene le nostre studentesse e studenti che proprio in quella biblioteca ricercano letture per passione e studio, che chiedono a gran voce di garantire, nella città di Vibo Valentia, già Capitale italiana del libro, che vi sia, finalmente, una gestione moderna del loro diritto alla cultura e all’istruzione. Siamo stati abituati a vedere una grande biblioteca, divenuta casa per i giovani, un ambiente per chi ama sognare con la lettura, chi vuol studiare, fare il teatro e imparare con la musica. La cultura – ha incalzato Lo Bianco – non può morire nel silenzio di una città indifferente. Vibo Valentia è un territorio in preda all’abbandono sociale e politico, che non può permettersi di creare una  desertificazione culturale».

Interno del Sistema bibliotecario vibonese

«Il Sbv organizza lo stand della Regione al Salone del Libro di Torino e di Napoli – ha proseguito il consigliere comunale – collabora con le università calabresi ed è sede di un’affermata scuola di teatro e di musica. Ha prodotto centinaia di pubblicazioni scientifiche ed è l’unico centro di formazione regionale in materia bibliotecaria e biblioteconomica. Tale chiusura  rappresenterebbe un fallimento per la città di Vibo Valentia, trasformandola in un deserto culturale, a pochi mesi dalla Capitale italiana del libro. È vero che dobbiamo affrontare e valutare  numerose criticità – ha concluso – ma è necessario mantenere quanto di buono è stato fatto in questi anni e voltare pagina. Per ottenere questo risultato occorre la convergenza da parte di tutte le forze politiche, perché il Sbv è patrimonio della città di Vibo Valentia e del suo comprensorio. Pertanto lancio un appello al futuro presidente della Provincia, chiedendo “un interessamento diretto alla questione”. Questo diritto non può essere tolto agli utenti, agli studiosi ed alla cittadinanza tutta».

LEGGI ANCHE : Sistema Bibliotecario Vibonese, si dimette il presidente Corrado L’Andolina

Sbv nella bufera: debiti e mancanza di bilanci, si attende la Procura mentre la politica accusa

Sistema bibliotecario vibonese, il sindaco Limardo: «Gestione poco oculata»

Dimissioni al Sistema bibliotecario, Di Bartolo: «Stato di criticità serio»

Articoli correlati

top