domenica,Luglio 21 2024

“Ecce Valentia”: il progetto “Promotors” per valorizzare le eccellenze del territorio

L’associazione diretta da Vincenzo Neri punta a promuovere professionalità, artisti, artigiani e imprenditori che hanno apportato beneficio alla comunità

“Ecce Valentia”: il progetto “Promotors” per valorizzare le eccellenze del territorio

“Ecce Valentia, testimoni di eccellenza” è il nuovo progetto targato “Promotors”. L’associazione diretta da Vincenzo Neri punta a promuovere professionalità, artisti, artigiani e imprenditori del comprensorio vibonese e calabrese. Il format è composto da materiale video che verrà reso fruibile attraverso i canali social e sulla pagina fb di “Clapper” che sta riuscendo a raggiungere una vasta platea di utenti «circa 360mila, con connessioni anche da calabresi sparsi nel mondo». Uno strumento, dunque, in grado di cambiare il racconto della nostra terra: «Ci sono tante testimonianze qualificanti. Abbiamo pensato di dare loro il giusto contributo attraverso interviste nel corso delle quali potranno raccontare il loro percorso di vita, quanto hanno costruito a favore del comprensorio». L’iniziativa mira a «fare esprimere gli esempi positivi. Persone che, tramite il loro lavoro o la propria arte, hanno apportato vantaggi a favore della comunità. Non sarà un discorso autoreferenziale – sottolinea il presidente di “Promotors”- perché i benefici devono essere stati palpabili, concreti».

“Testimoni di eccellenza”, che si avvale del patrocinio del Comune di Vibo Valentia, è stato fortemente voluto da Vincenzo Neri e Elisa Garretto, segretaria dell’associazione: «Non si avvale di finanziatori esterni e le spese sono sostenute dall’associazione. Questo perché – rimarcano- vogliamo essere svincolati da qualsiasi forma di condizionamento. Il tutto in un periodo particolarmente delicato per Vibo Valentia, alle prese con le strategie e alleanza in vista del prossimo appuntamento alle urne per il rinnovo del Consiglio comunale». Niente risorse calate dall’alto, dunque, per non perdere «la libertà di pensiero». L’attenzione nei riguardi dell’iniziativa è alta: «Abbiamo contattato circa cento “personalità”, c’è curiosità. Vedremo poi chi sposerà a pieno il progetto». Le registrazioni si svolgeranno nelle sale della Biblioteca comunale e presso la casa del protagonista. In conclusione verrà creato un volume che permetterà collegamenti con le video-interviste (saranno rese possibili anche su Youtube). Il progetto è sperimentale: «Ci auguriamo di avere dei positivi riscontri e al contempo non escludiamo ulteriori edizioni in futuro. Tutto dipenderà -conclude Neri- dall’impatto che avremo in termini di partecipazione e anche in termini di visibilità».

LEGGI ANCHE: Benedetto Musolino, il patriota di Pizzo che teorizzò la nascita dello Stato di Israele

“Rumore Bim Festival”, apprezzamento per la vibonese Chiara Cocciolo al contest nazionale

L’arte di Gaudioso a Fatima: lo scultore vibonese tra i protagonisti di una mostra internazionale

Articoli correlati

top