lunedì,Maggio 20 2024

Ambulanza in ritardo, la Pro loco Vibo Marina: «Serve una postazione 118»

Il sodalizio lancia un appello alle istituzioni: «Fatti del genere non dovrebbero mai registrarsi»

Ambulanza in ritardo, la Pro loco Vibo Marina: «Serve una postazione 118»

La Pro loco di Vibo Marina, in merito al soccorso prestato ad un ciclista con trauma cranico da un’ambulanza arrivata da Lamezia dopo 50 minuti, interviene con un comunicato in cui esprime forte preoccupazione per la mancanza di servizi sanitari nel territorio costiero del comune di Vibo. “Nel ringraziare il Suem 118 di Lamezia- commenta l’associazione- intervenuto presumibilmente in carenza di quello locale, La Pro loco manifesta ancora una volta forte preoccupazione per la mancanza di una necessaria postazione fissa del 118 a Vibo Marina, cittadina marittima-portuale-industriale-turistica con circa diecimila abitanti, snodo stradale e ferroviario, unico territorio provinciale con due piani di emergenza per la presenza dei depositi costieri di idrocarburi. L’associazione fa ancora appello alle amministrazioni locali ed ai rappresentanti politici affinché si attivino ulteriormente in merito alla mancanza di servizi sanitari di emergenza e territoriali in Vibo Marina, uno scalo in cui sono attivi servizi di emergenza in mare (Guardia Costiera, Guardia di Finanza-Roan, Vigili del fuoco) che però necessitano anche di essere ben raccordati con i servizi di emergenza sanitaria a terra. Cose del genere, come quello accaduto di recente, non dovrebbero registrarsi. Chi tra gli amministratori e i politici prende posizione e difende i diritti alla salute dei cittadini di Vibo Marina e degli altri centri costieri di Bivona- San Pietro-Longobardi?”.

LEGGI ANCHE: Malasanità: ciclista soccorso a Vibo Marina dopo 50 minuti con ambulanza arrivata da Lamezia

Piano rete ospedaliera, il Comitato San Bruno: «L’ospedale di Serra non esisterà più»

Vibo, le associazioni scendono in campo: «Chiediamo una sanità degna di un Paese civile»

Articoli correlati

top