venerdì,Maggio 14 2021

“Felice Antonio David” di Acquaro, scende in campo per la ricerca sulle malattie neurodegenerative

Il progetto promosso dall'organizzazione di volontariato in collaborazione con la Fondazione Umberto Veronesi, è destinato a finanziare lo studio per la scoperta di nuove cure contro patologie come il morbo di Alzheimer

“Felice Antonio David” di Acquaro, scende in campo per la ricerca sulle malattie neurodegenerative

Questo Natale l’organizzazione di volontariato intitolata alla memoria del Cavaliere Felice Antonio David ha deciso di finanziare la ricerca sulle malattie neurodegenerative attraverso la Fondazione Umberto Veronesi. Il piccolo ente del terzo settore istituito nel 2019, ad Acquaro, nel vibonese, non si fa fermare dalla crisi, anche quando non è facile portare avanti le attività di volontariato nel rispetto delle norme e delle misure anti-Covid. La donazione che l’ente ha scelto di effettuare è destinata allo studio per la scoperta di nuove cure contro patologie come il morbo di Alzheimer,il morbo di Parkinson,la sclerosi laterale amiotrofica e le demenze.

I soggetti affetti da tali disturbi hanno particolarmente sofferto i lockdown del 2020, registrando un aggravamento dei loro sintomi neuropsichiatrici (dall’ansia alla aggressività, dalla apatia ai disturbi dell’umore). Tra i massimi esperti nel campo spicca la ricercatrice calabrese di fama mondiale: la dottoressa Amalia Bruni, direttrice anche del Centro regionale di Neurogenetica di Lamezia Terme che ha rilevato sui propri pazienti la necessità di modificare il trattamento farmacologico in conseguenza degli effetti indiretti della crisi da Covid-19. All’iniziativa benefica collabora anche la Fondazione Veronesi, delegazione di Vibo Valentia, il cui responsabile è Mariano Piro.

Articoli correlati

top