giovedì,Maggio 6 2021

Porto di Vibo Marina, domenica di “passione” per i turisti provenienti dalle Eolie

Strade chiuse o allagate, trasporto pubblico locale assente e, alla stazione ferroviaria, bagni e biglietterie inesistenti. La Pro loco: «Necessario più che mai investire sul “paese porto”»

Porto di Vibo Marina, domenica di “passione” per i turisti provenienti dalle Eolie

Anche a causa della violenta pioggia che ha investito il territorio vibonese, i turisti che questa mattina sono giunti al Porto di Vibo Marina con l’aliscafo di linea che collega bisettimanalmente le Isole Eolie allo scalo vibonese, hanno dovuto fare i conti con i disagi e le difficoltà nel raggiungere la stazione ferroviaria, acuiti da strade chiuse o allagate e dalla mancanza di navette, quindi con bagni e biglietteria inesistenti.

A segnalarlo è la Pro loco della principale frazione cittadina, nell’intento di «stimolare le Amministrazioni competenti e la politica ad una maggiore attenzione verso la nostra comunità ed il miglioramento dei servizi necessari al “paese-porto”, ma anche per non sminuire i tanti aspetti positivi del nostro territorio in primis la tradizionale accoglienza e l’impegno di quanti sia adoperano per sviluppare il turismo».

L’aliscafo, spiegano dall’associazione, è giunto alla banchina Bengasi alle ore 13, quindi con un lieve ritardo dovuto alle condizioni meteo-marine e con 150 passeggeri circa a bordo. «Per fortuna – argomenta il consiglio d’amministrazione – da poco era terminato il temporale estivo che ha colpito anche Vibo Marina. Da tempo si segnala la necessità di avere vicino allo scalo una piccola stazione marittima (o nel frattempo dei gazebo) per riparare dalla pioggia o dal sole i passeggeri in arrivo/partenza per le Eolie (diverse centinaia al giorno) con le motonavi delle minicrociere o con l’aliscafo della linea estiva. A tal fine, si rimane sempre in attesa che la Provincia e la Regione appaltino la costruzione della sede dei servizi turistici Apt da tempo programmati ed adiacenti al porto (sale accoglienza ed informazione, promozione del territorio, servizi igienici) per la quali esistono i fondi da anni depositati in banca, progetti e diversi nulla osta».

Tornando alla disavventura dei turisti, «alcuni passeggeri si sono soffermati nel “paese-porto”, altri si sono diretti alla stazione ferroviaria di Vibo Marina con i pochi taxi sopraggiunti o accompagnati da alcuni ospitali cittadini. Quanti si sono avviati a piedi, però, hanno trovato difficoltà a causa della chiusura completa di via Stazione per lavori ma soprattutto per la mancanza di una segnalazione alternativa e per la strada allagata vicino alla scuola media De Maria. Importante trovare in tempi brevi una soluzione anche pedonale di accesso più diretto alla stazione, in attesa dell’avvio dei lavori del sottopassaggio, via più breve verso il porto».

Una volta raggiunta la stazione ferroviaria, come se non bastasse, «i passeggeri diretti a Lamezia Terme (raggiunta poi con un bus sostitutivo delle Ferrovie) hanno dovuto fare i conti con la chiusura dei bagni e la mancanza di una biglietteria automatica; in realtà la Regione – spiega la Pro loco – dovrebbe promuovere al meglio una sinergia tra il porto di Vibo Marina e l’aeroporto internazionale di Lamezia Terme. Insomma – conclude il CdA -, diverse cose ancora da iniziare, da potenziare, da migliorare in una Vibo Marina naturalmente “paese-porto delle Eolie e del Mediterraneo”, “principale via d’ingresso dal mare in Calabria” che merita le dovute attenzioni e tutti i servizi necessari per lo scalo e per dare la dovuta dignità alla comunità; tutte cose che poco o nulla hanno a che vedere con il cattivo tempo».

LEGGI ANCHE:

Sviluppo del porto di Vibo Marina, tavola rotonda del Pd

Turismo, riparte il collegamento in aliscafo tra Vibo Marina e le Isole Eolie

Vibo Marina, la Pro loco riapre il punto informazioni turistiche al porto

top