lunedì,Febbraio 26 2024

Baker Hughes, De Pinto: «Persa opportunità per rilancio dello scalo vibonese»

Per il segretario provinciale della Lega nonché referente provinciale del S.I.B. bisogna riconvertire le aree degradate per creare opportunità e sviluppo

Baker Hughes, De Pinto: «Persa opportunità per rilancio dello scalo vibonese»
Lo stabilimento Baker Hughes a Vibo Marina
Mino De Pinto

Il Segretario provinciale della Lega Mino De Pinto, nonché ormeggiatore e referente provinciale del S.I.B., interviene in merito alla sfumata possibilità di ampliamento degli impianti della Baker Hughes di Vibo Marina. «La società Baker Hughes, proprietaria dello stabilimento Nuovo Pignone presente a Vibo Marina dal 1962, è in procinto di investire 60 milioni di euro per un nuovo insediamento – afferma De Pinto – che darà occupazione a circa 200 unità. Polo di questo nuovo investimento sarà il porto di Corigliano Rossano, dove si svilupperà un vero e proprio traffico marittimo, ottima opportunità per rilanciare l’economia del territorio. Inizialmente considerato l’ampliamento degli impianti vibonesi, e quindi possibilità ulteriori per rilanciare la nostra economia e il nostro porto, è da chiedersi perché la politica vibonese nulla ha fatto finora per migliorare le condizioni in cui opera il polo industriale». Il segretario della Lega si domanda il  «perché gli enti di competenza non hanno provveduto, nei tempi dovuti, all’abbattimento dei manufatti industriali abbandonati e dismessi da tempo immemore? Perché non sono stati effettuati lavori come l’ampliamento della capienza della banchina Bengasi o la ricerca di nuove aree di intervento nel retroporto? Senza tralasciare poi, il problema del consolidamento delle banchine, il dragaggio dei fondali e l’allungamento della diga foranea. Tutto ciò – prosegue De Pinto – ha fatto sì che si perdesse una considerevole opportunità per il rilancio dello scalo: non dimentichiamoci l’importanza che, in passato, le industrie portuali hanno avuto nel tessuto sociale ed economico della nostra città. La Baker Hughes, fiore all’occhiello della nostra area, ha riportato la speranza di rivedere il nostro porto punto di riferimento in ambito economico e la cattiva politica effettuata finora non ha dato la possibilità di far sì che questo sogno si concretizzasse. Il porto commerciale, turistico e industriale sembra destinato a non prendere forma. Perché, ad esempio, non è stata presa in considerazione la zona dell’ex deposito Basalti e Bitumi? Il sito, ormai dismesso dal 2006, occupa un’area molto vasta e doveva essere smantellato ormai da tempo. La zona, bonificata e convertita, sarebbe logisticamente adatta ad ospitare un’opera industriale anche per la sua vicinanza al mare che, opportunamente studiata e adattata, andrebbe ad azzerare i costi di trasporto su strada dei manufatti per essere magari imbarcati. Non dobbiamo inventarci nulla, bisogna solo avere la volontà di realizzare quei progetti di riconversione delle aree degradate e creare opportunità e sviluppo. Da parte mia e della forza politica che rappresento, oltre a lavorare da più di 25 anni in ambito portuale, ci sarà il massimo impegno per far sì che questi progetti vedano la luce e che il porto di Vibo Marina sia punto di riferimento per il turismo, le aziende e gli investimenti. Non dimentichiamoci l’importanza anche del comparto pesca, che merita di essere valorizzato viste le belle realtà del territorio. La riqualificazione del porto – conclude De Pinto – andrà a beneficio anche delle loro attività». 

LEGGI ANCJE: Porto di Vibo Marina: da demolire un capannone, ma intanto Baker Hughes sceglie Corigliano

Baker Hughes pronto a investire milioni di euro in Calabria: progetti per lo stabilimento di Vibo

Porto di Vibo Marina: Banchina commerciale al completo, spazi insufficienti

Articoli correlati

top